31 luglio 2020 ore: 14:05
Giustizia

Restituire fiducia, nasce l'osservatorio contro le discriminazioni nello sport

Siglata intesa tra Unar, Uisp e Lunaria. I compiti: monitorare gli episodi di discriminazione e intolleranza sul territorio, ma anche restituire fiducia nelle istituzioni a chi è vittima di insulti per le proprie origini, il colore della pelle, il credo religioso, le condizioni fisiche . Madrina Beatrice Ion 
sport-discriminazioni

ROMA - Monitorare gli episodi di discriminazione e intolleranza sul territorio, ma anche restituire la fiducia nelle istituzioni a chi e' vittima di insulti per le proprie origini, il colore della pelle, il credo religioso, le condizioni fisiche. Nasce oggi con questi compiti l'Osservatorio nazionale contro le discriminazioni nello sport, frutto di una intesa siglata a Roma dal direttore dell'Unar, Triantafillos Loukarelis, dal presidente dell'Uisp, Vincenzo Manco, e dal vicepresidente dell'associazione Lunaria, Duccio Zola.

Un "progetto ambizioso", su cui le parti sono al lavoro da circa 10 anni, consapevoli che "lo sport e' uno dei luoghi dove si forma la personalita' di un individuo e dove si manifestano al meglio i valori positivi", ha spiegato Loukarelis. La nascita dell'Osservatorio rappresenta una novita' assoluta anche in Europa, che al momento non si e' ancora dotata di strumenti adeguati per monitorare e fornire un'analisi precisa sulle discriminazioni in ambito sportivo. E in particolare su quello amatoriale e dilettantistico, vero 'target' del nuovo Oservatorio. L'attivita' dell'Osservatorio sara' anche quella di sensibilizzazione e formazione, promuovendo soprattutto nei giovani la cultura del rispetto e dell'inclusione.

"Nelo sport ci sono tante persone che subiscono discriminazioni e non sentono la fiducia delle istituzioni. Ecco- ha aggiunto Loukarelis- Noi vogliamo rompere questo muro ed essere un punto di riferimento, accendendo i riflettori su casi che spesso passano sotto silenzio: per farlo contiamo di creare una rete con le associazioni e le societa' sportive, le federazioni e anche i centri di ricerca universitari, in modo da fare lavoro di squadra ed essere piu' efficaci".

'Madrina' della nascita dell'Osservatorio e' Beatrice Ion, giovane atleta della Nazionale paralimpica di basket femminile, aggredita con minacce e insulti razzisti nei giorni scorsi insieme al padre, rimasto ferito e in attesa di essere operato per la frattura di uno zigomo. "Credo sia molto importante la nascita di questo osservatorio perche' la discriminazione e' molto presente in italia e io l'ho vissuta sia come donna che come straniera. È sempre bello sapere di essere tutelati da qualcuno e questo da' il coraggio di parlare di certe cose, perche' piu' se ne parla e meno ignoranza c'e' sull'argomento, meno episodi del genere accadranno".

Molto simbolico il logo del nuovo organismo. Si tratta del disegno di un occhio che ricorda pero' anche una persona che compie un gesto atletico simile a abbraccio. "Ed e' proprio questo che vuole rappresentare l'Osservatorio: un punto di riferimento che aiuti le persone a superare la paura, il fatalismo e il senso di indifferenza generalizzata", ha sottolineato Loukarelis.

L'attivita' dell'Osservatorio sara' portata avanti, oltre che dal contact center dell'Unar, dalle strutture e grazie alla competenza dell'Uisp, che ha spinto sull'acceleratore per concretizzare l'iniziativa. "Oggi e' un giorno molto importante e ci mettiamo la faccia con le nostre 15.600 societa' sul territorio e siamo pronti a metterci a disposizione in questo progetto che ha davvero una dimensione europea". Di "salto di qualita'" ha parlato Zola, ricordando che solo nel 2019 sono stati denunciati 121 casi di discriminazione, "un trend in netta crescita rispetto al passato, che segnala l'urgenza di mettere in campo delle azioni di contrasto forti a questi episodi".

(DIRE)
© Copyright Redattore Sociale