5 marzo 2019 ore: 15:26
Immigrazione

Firenze, sport e artigianato per i minori non accompagnati

Prende il via “Darwin: Noi, nuovi cittadini”, che vede il comitato fiorentino della Uisp impegnato nel favorire l’integrazione e il futuro inserimento sociale e lavorativo dei minori stranieri non accompagnati anche attraverso l’attività sportiva
Minori stranieri. Mani su pallone - SITO NUOVO

FIRENZE - Ha preso il via a Firenze il progetto “Darwin: Noi, nuovi cittadini”, che vede il comitato fiorentino della Uisp impegnato nel favorire l’integrazione e il futuro inserimento sociale e lavorativo dei minori stranieri non accompagnati presenti nell’area metropolitana.  L’iniziativa è un lavoro di squadra che coinvolge, oltre a Uisp, Comune di Firenze, cooperativa ConVoi, Anelli Mancanti Onlus, associazione Nosotras e associazione di promozione sociale Ancescao di Firenze.

L’obiettivo è favorire, attraverso attività sportiva, corsi di italiano ed informatica, apprendistato nelle botteghe artigiane e visite ai musei, il reale inserimento dei ragazzi. A Firenze sono circa 600 i minori che si trovano in strutture di accoglienza: un terzo di questi provengono da paesi balcanici come Kosovo e Albania, un altro terzo  risulta inserito in progetti Fami (Fondo asilo migrazione e  integrazione) e Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), i restanti sono italiani.

Il progetto Darwin, della durata di un anno e finanziato dalla Regione Toscana, si propone di fornire un’educazione di qualità, equa e inclusiva nell’ottica di combattere la disoccupazione e le disuguaglianze. Lo sport gioca un ruolo di primo piano sia a livello 
individuale che di inserimento collettivo e sociale. Le attività sportive previste si svolgono presso gli impianti gestiti da Uisp. Si va dai corsi di nuoto nell’impianto della piscina Costolina, al calcio presso i campi sportivi della Trave, ma sono previste attività anche 
nella palestra di Scandicci, la canoa presso la Delegazione Uisp Valdisieve e in alcune delle polisportive affiliate.

Per quanto riguarda i percorsi educativi si tengono nelle sedi dell’associazione Anelli Mancanti e dell’associazione di promozione sociale Ancescao di Firenze, mentre il percorso culturale è previsto direttamente presso le Botteghe Artigiane Fiorentine aderenti al progetto e presso l’associazione Anelli Mancanti chiamata ad organizzare le visite guidate per i musei della città di Firenze. Per ogni attività è previsto un incontro a settimana.

 

© Copyright Redattore Sociale