19 dicembre 2018 ore: 10:12
Società

Dipendenze e marginalità, percorsi di bellezza per imparare ad esprimersi

Mostre d'arte, teatro, passeggiate nella natura. Sono le proposte della Cooperativa La Quercia per gli utenti del Drop in di Reggio Emilia: persone con problemi di dipendenza. Nel 2017 in 10 hanno visitato la mostra di Kandinkji-Cage. Al via il crowdfunding
B&B Bellezza e benessere - Cooperativa La Quercia

REGGIO EMILIA – Di cosa hanno bisogno le persone che vivono in condizioni di marginalità? Di un pasto caldo, una doccia, un posto dove lavare i vestiti, di un luogo al coperto in cui passare la notte o anche solo qualche ora per riposarsi. Di tutte queste cose, certo. E se anche loro, come tutti, avessero bisogno di bellezza, di fare qualcosa che li faccia stare bene come un passeggiata nella natura, andare a vedere una mostra o assistere a uno spettacolo teatrale? È questo l'obiettivo di “B&B Bellezza e benessere”, il progetto della Cooperativa sociale La Quercia di Reggio Emilia che gestisce, in collaborazione con l'Ausl, una struttura diurna che accoglie persone con problematicità complesse legate all'uso di alcol o sostanze, alla salute mentale e che vivono in condizione di grave marginalità. Nel 2017 il Drop in ha accolto 361 persone, in gran parte senza dimora. “Da noi possono fare colazione, pranzare, farsi una doccia, usare la lavanderia o riposarsi qualche ora, lontano dalla strada – spiega Monica Incerti Telani, responsabile progetti sociali della Cooperativa la Quercia – Accanto a noi poi c'è il Sert e in caso di bisogno possiamo accompagnarle direttamente, senza bisogno di appuntamento”.

Oltre alla risposta all'emergenza, la Cooperativa La Quercia ha fatto un passo ulteriore: ha sviluppato laboratori ad alta valenza terapeutica come l'atelier di arte, musica e orticoltura per dare alle persone la possibilità di esprimere le proprie emozioni e stati d'animo non necessariamente attraverso il linguaggio verbale. “L'anno scorso abbiamo accompagnato alcune delle persone che frequentano i laboratori, una decina, a vedere la mostra su Kandinsky e Cage a Palazzo Magnani – racconta Incerti Telani – ed è stato un successo: la guida è stata molto brava a catturare la loro attenzione, loro hanno interagito e abbiamo potuto vederli fuori dalla cronicità, in un contesto di normalità”.

Da lì è nata l'idea di “mettere a valore l'esperienza” con il progetto “B&B Bellezza e Benessere” con l'obiettivo di far vivere alle persone che frequentano il Drop in momenti di normalità. “Abbiamo lanciato una campagna di crowdfunding su ideaginger – continua la referente - , poi decideremo insieme a loro se preferiscono una mostra, il teatro o le passeggiate”. Le risorse raccolte (l'obiettivo è 3 mila euro e c'è tempo fino al 12 marzo 2019 per raggiungerlo) saranno utilizzate per acquistare i biglietti per mostre o teatro, stipulare la polizza assicurativa per le uscite, noleggiare un pulmino da 9 posti per raggiungere i luoghi e garantire l'accompagnamento educativo (2 operatori per ogni uscita). A seconda dei contributi i sostenitori potranno ricevere un ringraziamento su Facebook, una canzone dedicata da parte degli utenti del laboratorio di musica, una cartolina realizzata nell'atelier di arte, partecipare ai laboratori e conoscere gli utenti, “per chi vuole c'è anche la possibilità di partecipare insieme a noi alle uscite”. (lp)

© Copyright Redattore Sociale