11 ottobre 2016 ore: 10:28
Disabilità

Videosorveglianza in strutture per anziani e disabili? "Misura inefficace"

E' in esame alla Camera il testo unificato di sette proposte di legge per l'adozione della videosorveglianza nelle strutture per bambini, anziani e disabili. Critica la Fish: “Occorre superare istituti segreganti, investire risorse e garantire formazione agli operatori”
Videosorveglianza, uomo controlla immagini

ROMA – La sicurezza non si costruisce con le telecamere, ma con servizi di qualità garantiti da risorse adeguate: è questa, in sintesi, la posizione espressa dalla Fish, nei giorni in cui le commissioni Lavoro e Affari costituzionali della Camera stanno esaminando il testo unificato di sette proposte di legge, per l'approvazione di una norma che prevede l'adozione della videosorveglianza come misura di tutela. “Prevale l’adesione ad una tendenza dai toni demagogici, che si appiattisce sulla presunta funzione deterrente delle videocamere negli asili, nelle stanze e sugli spazio sanitari e socio sanitari”, osserva Fish, critica verso questa soluzione.

“È molto triste rilevare come, non riuscendo o volendo realmente intervenire sulla qualità dei servizi e non volendo impegnare risorse in questi obiettivi, si preferisca scegliere una pseudo-soluzione eclatante e demagogica – afferma il presidente di Fish, Vincenzo Falabella - Questo è il punto centrale: la reale qualità dei servizi, tema del tutto eluso”. La proposta, per Falabella, “oltre ad essere discutibile per il diritto alla riservatezza personale, reale e percepita, è del tutto inadeguata ed inefficace a contrastare le cause profonde della violenza e degli abusi che purtroppo i fatti di cronaca, anche recenti, riportano.”

Quale allora la soluzione individuata da Fish? “Riteniamo sia ormai il momento di interrogarsi sugli ambienti in cui questi reati vengono consumati e sulle loro origini”. Origini che risiedono, per la Fish, nel carattere “totale e segregante” di molte di queste strutture. Piuttosto che le telecamere, che in questi contesti sarebbero inefficaci o comunque insufficienti, “sono necessarie norme operative certe in termini di prevenzione e contrasto agli abusi, dei trattamenti degradanti, delle negligenze, dell’eccesso di sedazione, dell’abuso della contenzione, incidendo sulla formazione del personale, sull’aggiornamento continuo, sullo sviluppo delle competenze, sulla preparazione nella gestione dei cosiddetti 'comportamenti problema', sull’adozione di strumenti e metodi per il benessere degli operatori. Ed ancora, sulla trasparenza delle strutture e sul loro rapporto con il territorio di riferimento e la chiusura delle strutture segreganti. E promuovendo la reale inclusione delle persone con disabilità”.

In conclusione, Fish rigetta interamente la proposta all'esame delle Commissioni, che chiede di accantonare, anche per l'assenza di copertura economica (“qualcuno ha fatto i conti?”, domanda Falabella), ma anche l'impraticabilità operativa, dal momento che “per essere efficace – osserva Fish - la videosorveglianza dovrebbe essere istallata in tutti gli ambienti di tutti gli asili-nido, le scuole di infanzia, le strutture per disabili ed anziani. I filmati, stimabili in milioni di giga, dovrebbero essere conservati (non si sa per quanti anni) in modo criptato su server dedicati e messi a disposizione del Pubblico Ministero in caso di indagini o denunce. Tutto ciò, oltre al risibile effetto immediato ed all’improbabile efficacia futura, comporterebbe costi per i quali i proponenti non quantificano né prevedono alcuna copertura finanziaria”. In conclusione, Fish chiede il superamento di questa proposta, contestualmente all'avvio di “un confronto più elevato culturalmente e politicamente”.

 

© Copyright Redattore Sociale