7 agosto 2018 ore: 14:01
Economia

Caporalato, ecco cosa prevede la legge

La legge 199 del 2016 per il contrasto al caporalato, con primo firmatario Maurizio Martina, ha introdotto nuovi strumenti penali: la confisca dei beni come avviene con le organizzazioni criminali mafiose, l'arresto in flagranza e la responsabilità del datore di lavoro

Roma - La legge 199 del 2016 per il contrasto al caporalato, con primo firmatario Maurizio Martina, ha introdotto nuovi strumenti penali: la confisca dei beni come avviene con le organizzazioni criminali mafiose, l'arresto in flagranza e la responsabilita' del datore di lavoro. La legge ha due sezioni: una repressiva e una preventiva.

La parte repressiva inasprisce le pene per chi sfrutta manodopera in stato di bisogno, quella preventiva mira a valorizzare le imprese in regola attraverso l'iscrizione alla Rete del Lavoro agricolo di qualita', per sperimentare nuove forme di intermediazione del lavoro agricolo, affinche' si promuova la legalita' e il rispetto dei diritti dei lavoratori, e prevede che i Ministeri predispongano un piano nazionale di accoglienza che preveda anche soluzioni per il trasporto dei lavoratori. Proprio a Foggia e' stata creata la prima sezione territoriale della Rete, dove sindacati e organizzazioni agricole insieme a Inps e istituzioni locali stanno collaborando per definire come alloggiare e trasportare i lavoratori nella legalita'. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale