3 maggio 2018 ore: 15:35
Salute

Dal football al teatro per raccogliere fondi contro le malattie rare

Dai campi di football americano al palcoscenico, per combattere "a squarciagola" contro le malattie rare e raccogliere fondi per la ricerca scientifica. Sabato prossimo, 5 maggio, alle 20.30 al cinema teatro Perla di Bologna va in scena lo spettacolo...
Football e raccolta fondi
Football e raccolta fondi

Dai campi di football americano al palcoscenico, per combattere "a squarciagola" contro le malattie rare e raccogliere fondi per la ricerca scientifica. Sabato prossimo, 5 maggio, alle 20.30 al cinema teatro Perla di Bologna va in scena lo spettacolo di beneficenza ("A squarciagola", appunto) ideato e organizzato da Barbara Corazza, vicepresidente dell'associazione nazionale porpora trombotica trombocitopenica (Anptt), col patrocinio del Comune di Bologna. Il ricavato della serata sara' devoluto all'Ageop e all'Istituto di ricerca sulle malattie rare "Mario Negri".

Il motore che muove la signora Barbara e' la memoria di sua figlia Erika Lazzari, scomparsa nel 2013 all'eta' di 26 anni per colpa appunto della sindrome di Moschcowitz (o Ptt), una malattia rara del sangue comparsa all'improvviso e che si e' portata via la ragazza nel giro di appena 12 giorni. Erika giocava a football americano nella squadra bolognese delle Neptunes (oggi Braves-Underdogs), che in memoria della loro runningback scomparsa prematuramente hanno anche ritirato ufficialmente la sua maglia numero 32. A lei sono dedicati anche un memorial e un trofeo.

Vista la sua attivita' sportiva, Erika era spesso sottoposta a controlli medici e "gli esami fatti anche la settimana prima l'insorgere della malattia non diedero alcun segnale", ricorda la mamma. La malattia si presento' all'inizio come una forte gastroenterite, Erika fu portata al Pronto soccorso dopo tre giorni ed entro' in coma. Anche l'unico farmaco disponibile per quel morbo risulto' inefficace.

Da allora la signora Barbara organizza eventi e serate di beneficenza, perche' "ogni volta che riesco a strappare un sorriso, io vedo risplendere di nuovo il sorriso di mia figlia. Vorrei che la frase che hanno detto a me, 'Per sua figlia non c'e' piu' niente da fare', non fosse piu' sentita da nessuno. Mi rendo conto di essere come un granello di sabbia rispetto a tutto quello che c'e' da fare, ma oggi la ricerca e' l'unica speranza per chi vede il futuro allontanarsi". Lo spettacolo "A squarciagola", nato a Minerbio, dove Erika e' cresciuta, e giunto alla sua nona programmazione, vedra' sul palco cantanti, musicisti, ballerini e artisti professionisti e non. "Non c'e' nessun personaggio famoso- precisa Corazza- solo persone con tanta voglia di fare". L'iniziativa e' stata presentata oggi in conferenza stampa in Comune da Corazza insieme a Simone Borsari, presidente del Quartiere San Donato-San Vitale, e da Giada Oliva di Ageop. Per prenotare gli ultimi biglietti rimasti a disposizione: 347.007.2295 oppure 346.640.4334. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale