5 novembre 2021 ore: 17:02
Disabilità

“Blu Wall”, il murales dedicato alla consapevolezza sull’autismo ​

Realizzato sulla parete esterna dell’Hotel Astoria dal collettivo Orticanoodles, in collaborazione con l'associazione L'abilità. "Azione culturale, perché la comunità legga nell’opera le vite non solo del bambino ma anche degli adulti che vivono nel mondo dello spettro dell’autismo"
Foto: L'abilità autismo murales milane
MILANO - Un grande murales sulla parete esterna dell’Hotel Astoria a Milano realizzato da Orticanoodles e voluto dalla Famiglia Doni, proprietari della struttura, per sensibilizzare sul tema dell’autismo. "Un modo per noi di accrescere la consapevolezza sull’autismo, – spiega Carlo Riva, direttore dell’associazione L’abilità, coinvolta nel progetto artistico - un’azione culturale perché la comunità legga nell’opera le vite non solo del bambino ma anche degli adulti che vivono e convivono nel mondo dello spettro dell’autismo".  Il ruolo dell’associazione nell’iniziativa, infatti, è stato dare “un’ulteriore suggestione all’artista per far emergere, attraverso la sua opera, la dimensione invisibile delle persone con disturbo dello spettro dell’autismo”.

“L’arte utilizza sempre un linguaggio che è unico per ognuno di noi – continua Riva – ed è per questo che "Blu Wall" può avere diverse interpretazioni: c’è chi può leggerci un bambino con la sua mamma o con la sua insegnante ma, ancora più importante, c’è chi ci può leggere l’adulto con disturbo dello spettro autistico, perché spesso ci dimentichiamo che questa disabilità non è legata solo al mondo dell’infanzia ma anche al mondo degli adulti.”

Il murales è stato creato con tutte le sfumature del blu, il colore simbolo della consapevolezza sull’autismo, come spiega il collettivo Orticanoodles, creatori dell’opera: “Il murale è una rappresentazione metaforica della ricerca e della consapevolezza sui disturbi dello spettro autistico ed include l’elemento floreale, un mezzo fondamentale per noi, per tradurre visivamente metafore e concetti astratti”.

L'opera è stata inaugurata lo scorso 3 novembre alla presenza della famiglia Doni, dell’assessore alla Casa e Piano quartieri Pierfrancesco Maran e del direttore Carlo Riva. “Abbiamo riaperto dopo un periodo difficile a causa della pandemia – racconta Camilla Doni – e abbiamo voluto farlo offrendo questa opera alla città di Milano. Questi artisti straordinari hanno realizzato un murales dedicato non solo a tutti i cittadini, ma anche a un turismo che definiamo inclusivo, che apre a tutti, incluse le persone che hanno sintomi dello spettro autistico”. Per l’assessore Maran è stato “un intervento di grande qualità che riqualifica l’arredo urbano della zona e con una finalità importante perché racchiude in se tre messaggi: uno artistico, uno sociale e uno di speranza per la ripresa che sta vivendo Milano.”

L’abilità e Best Western Italia collaborano già dal 2018 al progetto “Inclusive Hotel” per rendere accessibili gli hotel della catena alle persone con disturbo dello spettro autistico. “Crediamo – continua Camilla Doni – che il nuovo ruolo dell’imprenditore debba tenere conto anche della consapevolezza, accettazione ed inclusione nella vita sociale delle persone con disturbi dello spettro autistico.”
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news