30 novembre 2023 ore: 17:16
Società

“Giovani, osate!”. La scuola e il lavoro strumenti di lotta alla mafia

Nell'Auditorium Gonzaga Campus di Palermo, il procuratore capo di Maurizio De Lucia ha risposto alle diverse domande formulate dai giovani, a partire dalla presentazione del libro “La cattura. I misteri di Matteo Messina Denaro e la mafia che cambia", scritto dallo stesso De Lucia e dal giornalista Salvo Palazzolo

PALERMO – Bisogna impegnarsi per un'antimafia sociale e culturale che va al di là dell'antimafia repressiva. A dirlo è stato, nell'auditorium del Gonzaga Campus, il procuratore capo di Palermo Maurizio De Lucia, rispondendo alle diverse domande, formulate dai giovani. Il confronto è avvenuto a partire dal libro La cattura. I misteri di Matteo Messina Denaro e la mafia che cambia", scritto da Maurizio De Lucia e dal giornalista Salvo Palazzolo.

Occorre parlare ancora una volta ai giovani e con i giovani - ha detto nella sua introduzione padre Vitangelo Denora, gesuita e direttore generale del Gonzaga Campus – perché crediamo che il cambiamento della società passi anche dalla passione e dall'impegno portato avanti nella scuola. Ci sono tanti uomini e donne che, oggi, a vario livello, con sobrietà e pudore, portano avanti la lotta per la democrazia e la libertà.

Questo libro nasce dalla necessità di raccontare tutti i fatti che sono successi – ha sottolineato il procuratore De Lucia -. Vuole essere una narrazione altra rispetto a tutto quello che ha circolato, spesso in maniera superficiale, sui social. Pertanto, abbiamo voluto spiegare, in maniera laica e senza pregiudizi, chi era Messina Denaro con tutti i suoi 13 ergastoli”.

Ricordo che negli anni '80 le scuole non chiamavano i giudici - dice il giornalista Salvo Palazzolo -. Solo il movimento degli studenti, all'epoca, era l'asse portante dell'antimafia. Ancora oggi, gli studenti ci ricordano che la cattura di Messina Denaro non rappresenta la fine della mafia ma occorre continuare a lottare. Il libro è un racconto con le storie di chi si sforza, ogni giorno, di avere una città più felice e più bella.  

A partecipare all'incontro è stato anche Piergiorgio Morosini, presidente del tribunale di Palermo.Il destino della comunità in cui viviamo dipende moltissimo da quello che siamo e siete disposti a fare – ha affermato Morosini - . Per sconfiggere la mafia non bastano le forze dell'ordine e la magistratura perché queste intervengono quando il danno è stato già fatto. La mafia non è solo un problema di sicurezza fisica ma è un problema di sicurezza esistenziale; sappiamo bene come questa, purtroppo attecchisca spesso in contesti di povertà e di ignoranza. La lunga latitanza dei capimafia è collegata ai diversi vantaggi di cui questi hanno goduto per la forte fragilità sociale di certi territori. Negli anni la mafia è stata quella che dava il lavoro costruendo così il suo esercito di complici e fiancheggiatori”.

Oggi siamo in una scuola – ha continuato De Lucia - perché crediamo nell'importanza di dedicare il nostro tempo ai più giovani. La scuola è importante perché c'è un antimafia dei diritti che si costruisce con lo sviluppo economico e lo sviluppo culturale. Non c'è soltanto l'antimafia repressiva. Oggi dobbiamo fare i conti con la rapidità dei social di cui bisogna fare buon uso perché non vanno banditi. Certamente, anche con questi nuovi strumenti, si possono veicolare contenuti importanti. Ricordiamoci, però, che la cultura passa sempre dalla formazione dettata da conoscenza e approfondimento. Vanno bene internet e pc ma aggiungiamo anche le biblioteche”. 

La scuola contribuisce alla formazione delle nostre coscienze partendo dalla cultura – ha aggiunto Morosini - ma anche dalla valorizzazione della nostra relazione con gli altri e dei giusti comportamenti

I mafiosi si definiscono uomini di onore facendo propria questa parola quando, invece, deve ritornare ad essere nostra – ha concluso Maurizio De Lucia -. Il diritto con la parola onore c'entra perché questo serve a tutelare l'onore dei cittadini. Quell'onore che sta scritto nella nostra Costituzione. C'è un articolo che dice che chi svolge funzioni pubbliche lo deve fare con disciplina ed onore. Riportando l'espressione di uno scrittore, dico che, il potere dei senza potere è il vostro che sta nel fare il vostro dovere senza eroismi ma solo studiando e relazionandovi sempre con chi è vicino a voi. Qualcosa oggi, rispetto al passato, sta cambiando se pensiamo pure agli applausi della gente del quartiere San Lorenzo, subito dopo l'arresto di Messina Denaro”.
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news