/ Disabilità
8 ottobre 2019 ore: 12:17
Salute

“Guarda che è importante”: l'inquinamento al centro della Giornata mondiale della vista

Promossa dall’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità, si celebra il 10 ottobre, con iniziative su tutto il territorio nazionale. Con Iapb Italia, 30 mila visite gratuite in tutto il Paese. A Roma due tavole rotonde su inquinamento ambientale e salute
occhio

ROMA - “Guarda che è importante!”: è questo lo slogan della Giornata mondiale della vista, promossa dall’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità – Iapb Italia onlus, che si celebra giovedì 10 ottobre, con iniziative su tutto il territorio nazionale per affermare la necessità di prendersi cura della vista a tutte le età. Anche quest’anno la Società Oftalmologica Italiana (Soi) è a fianco di IAPB Italia, mettendo a disposizione in tutto il Paese 30 mila visite gratuite per chi non ha mai effettuato i necessari controlli specialistici. Da ottobre in poi, è infatti sufficiente collegarsi al sito per riservare un appuntamento, chiamando direttamente lo specialista più vicino indicato nella mappa. Inoltre, in 80 città su tutto il territorio nazionale, il 10 ottobre verranno organizzate diverse iniziative che vanno dalla distribuzione di materiale informativo, allo svolgimento di incontri divulgativi con gli specialisti, ai controlli oculistici gratuiti.

Inquinamento e salute (oculare e non solo)

Iapb Italia onlus ha organizzato a partire dalle 10 di giovedì 10 ottobre un incontro stampa e due tavole rotonde su “L’inquinamento ambientale e gli effetti sulla salute generale ed oculare”, in cui si confronteranno i rappresentanti del ministero della Salute, esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ricercatori dell’Istituto Superiore della Sanità e autorevoli oculisti e specialisti della medicina del lavoro delle università italiane. Come mantenere la vista in salute, non solo facendosi visitare, ma anche evitando comportamenti dannosi, come lavorare in luoghi chiusi utilizzando un’illuminazione non appropriata, guardando da vicino gli schermi dei computer e i devices digitali per molte ore al giorno immersi nella luce blu, senza osservare semplici norme di “igiene oculare”, saranno tutti gli aspetti che verranno approfonditi nel corso delle tavole rotonde.

217 milioni di persone ipovedenti nel mondo

Scopo di tutte le iniziative è contribuire alla prevenzione delle patologie oculari che, complessivamente, provocano 217 milioni di persone ipovedenti nel mondo. Si tratta di malattie che possono essere prevenute nell’80% dei casi e la cui incidenza è destinata ad aumentare man mano che la popolazione invecchia. “Ogni giorno ci prendiamo cura di tantissime cose che attraversano la nostra quotidianità, ma alla vista non ci pensiamo mai, benché senza la vista non potremmo occuparci neppure di tutto il resto – dichiara Giuseppe Castronovo, presidente di Iapb Italia onlus, riprendendo il tema dello spot sociale che andrà in onda sulle reti Mediaset e Sky - Non diamo per scontato questo bene indispensabile, prendiamocene cura!”.

 

© Copyright Redattore Sociale