30 settembre 2013 ore: 14:04
Società

"Mai più complici": contro il femminicidio, si riparte dalla scuola

Promosso dalla consulta femminile del Lazio, è indirizzato agli studenti della scuole. ''Il femminicidio non e' una questione solo privata ma riguarda il modo in cui è organizzata la nostra società''
Mp5 Femminicidio. MP5_True love 13

"True love" (tecnica mista)

Roma - E' stato presentato oggi, alla sala Nassirya di alazzo Madama, il progetto "Mai piu'' violenza - Mai piu'' complici" sul tema della violenza sulle donne, promosso dalla Consulta femminile regionale per le pari opportunità, gli Istituti di istruzione secondaria "Quarenghi Braschi" di Subiaco e "Giorgio Ambrosoli" di Roma, e il movimento "Se non ora quando?". L''iniziativa, promossa dalla Consulta femminile a seguito degli sconcertanti episodi di femminicidio che investono la nostra societa'', vuole coinvolgere gli studenti, per far conoscere i risvolti sociali, culturali ed il dramma umano delle donne violate, interagendo con le famiglie e la cittadinanza, e per ricercare formule nuove capaci di diffondere la cultura della non violenza. Motivare le giovani generazioni a essere protagoniste del cambiamento, e nel contempo inviare un messaggio forte all''intera cittadinanza, sono gli obiettivi primari del progetto, approvato dal Ministero dell''Istruzione, e che ha ricevuto l''adesione del Presidente della Repubblica e il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Presidente del Senato e del Presidente della Camera.

All''incontro hanno partecipato i ragazzi e le ragazze dei due istituti, accompagnati dai docenti che hanno portato le loro testimonianze, e la regista Cristina Comencini, autrice della pie''ce teatrale "L''amavo piu'' della sua vita", atto unico scritto per il movimento "Se non ora quando?" nell''ambito della campagna contro la violenza sulle donne "Mai piu'' complici". "Penso sia fondamentale che siamo qui al Senato - ha dichiarato la regista - il femminicidio non e'' una questione solo privata, e'' profondamente politica, nel senso che riguarda il modo in cui e'' organizzata la nostra società".

La prima iniziativa del progetto unitario, inserito dal Miur nel piano programmatico del 2013, si e'' svolta il 20 settembre scorso presso la Biblioteca Comunale di Subiaco, con un convegno cui ha partecipato, fra gli altri, l''europarlamentare Silvia Costa, membro della Commissione Femm - Commissione diritti della donna e uguaglianza di genere. Inoltre, il 23 settembre i ragazzi e le ragazze protagonisti del progetto sono stati invitati dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e dalla Ministra Maria Chiara Carrozza a partecipare alla cerimonia di apertura dell''anno scolastico al Quirinale, come segno d''interesse delle piu'' alte cariche dello Stato verso i giovani che si rendono protagonisti del cambiamento. (Dire)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news