13 febbraio 2014 ore: 15:23
Società

“One billion rising”: le donne ballano contro la violenza in 115 città

Dopo il successo dello scorso anno, che coinvolse 270 paesi in tutto il mondo, l’iniziativa creata da Eve Ensler è pronta a ripetersi domani. Più di 150 gli eventi previsti in Italia: un flash mob lungo tutta la Penisola sulle note di “Break the chain”
One bilion rising - video

BOLOGNA - Domani 14 febbraio torna nelle piazze italiane ‘One billion rising’: un flash mob per ricordare che nel mondo una donna su tre subisce violenza nel corso della vita: quanto fa a livello globale? Un miliardo. Un miliardo di donne costrette a subire abusi e maltrattamenti. L’idea, nata un anno fa, è della drammaturga e attivista femminista Eve Ensler: già l’anno scorso aveva coinvolto donne e uomini di 207 Paesi in più di 10 mila eventi in tutto il mondo. Anche quest’anno sono moltissime le iniziative lungo tutto la penisola: hanno già aderito 15 associazioni nazionali (Action Aid, Amnesty International Italia, Cgil, Emergency, Maschile Plurale, Oxfam, Se Non Ora Quando, Terre des Hommes, Udi, Intervita e molte altre) e 200 locali, più di 150 eventi sono già previsti in ben 115 città. Filo conduttore della seconda edizione è la giustizia perché, come ha dichiarato Eve Ensler, “senza affrontare il tema dell’ingiustizia la battaglia contro la violenza non può essere vinta”. Il passaggio è molto chiaro alle donne che quotidianamente devono fronteggiare la violenza di partner o ex, costrette a subire anche un’ulteriore violenza, istituzionale e sociale; ed è molto chiaro anche alle operatrici dei centri antiviolenza, costrette ad assistere impotenti a situazione degenerate per la mancanza di un piano antiviolenza coerente e comune a tutti gli attori coinvolti, obbligate ad arrendersi di fronte alla tendenza culturale ancora troppo diffusa di giustificare la violenza anziché condannarla. Anche per questo, “One billion rising” respinge una visione della donna vittima, favorendo, invece, un momento di denuncia, di lotta e di affermazione positiva dei diritti delle donne.

Il Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna aderisce con una serie di eventi pubblici. A Bologna, alle 17 in piazza del Nettuno, flash mob ‘Contro la violenza maschile sulle donne: ribelliamoci, liberiamoci, scateniamoci’; partenza poi in parata verso lo Spazio Verde del Parco della Montagnola per aperitivo, musica, reading di brani di Eve Ensler e danza corale, con dj set fino alle 23: tutto il ricavato sarà devoluto alla Casa delle donne. A Ferrara dalle 16.30 in piazza Savonarola e a Imola dalle 18 in piazza Matteotti, flash mob sulle note di “Break the chain” e lettura delle idee di ‘Vita Giusta’, frasi scritte dalle donne della città e imbucate nelle Scatole della giustizia collocate nel consultorio, nelle scuole, nella biblioteca e in comune. Flash mob anche a Lugo, alle 11.15 in piazza Martiri e alle 18 al centro commerciale Il Globo. A Parma, oltre alla danza, al Circolo Culturale ‘La Giovine Italia’ dalle 19.30, aperitivo in musica e reading di brani di Eve Ensler. A Rimini, flash mob in piazza Cavour e proiezione di una mostra fotografica sulla violenza di genere; mentre alle 21, presso la Repubblica di San Marino, danza collettiva in occasione dell’inaugurazione della mostra ‘SenzAtomica San Marino’. A Ravenna, due balli collettivi: il primo alle 11 in piazza del Popolo, il secondo alle 17 al centro commerciale Esp. Per l’evento in piazza del Popolo si stanno mobilitando le scuole superiori della città. Gli studenti che non potranno essere presenti, balleranno nelle palestre delle proprie scuole. A Modena, le note e le parole dei protagonisti di “One billion rising” faranno da apripista alla giornata dedicata al risparmio energetico ‘M’illumino di meno’. Alle 17, presso la Saletta della Galleria Europa, presentazione delle 100 video-interviste fatte ai/alle modenesi sul tema della violenza delle donne, organizzata dal Centro documentazione donna. Alle 18.30, in Piazza Grande, il flash mob prenderà vita tra gli stand della settima rassegna Cioccolato Vero. A seguire, si spegneranno le luci e con le fiaccole accese si partirà per un percorso itinerante di lettura dedicato al tema della violenza sulle donne.

A Roma si comincia alle 13.30 a Piazza di Spagna con un evento legato agli hula hoop ideato da Carla Kearns, mentre alle 14, sulla scalinata di piazza di Spagna, è previsto un flash mob organizzato da Linda Foster, Parcour dancers e Associazione HoW. Alle 16, a piazza Cavour, sulla scalinata di Palazzo di Giustizia, sarà la volta del flash mob promosso da Differenza Donna, mentre alle 17 un altro avrà luogo a Piazza Immacolata a San Lorenzo, organizzato da Alamiré onlus. Si continua a Testaccio, alla Città dell’Altra Economia, dove, a cura dell'associazione Feminil C, dalle 16.45 sono previsti reading, balli e un’installazione dell'artista Rap – Chiara Rapaccini con i suoi "Amori Sfigati". La conclusione della giornata sarà alla Casa Internazionale delle Donne, dove a partire dalle 19 sono in programma proiezioni di film (tra cui “Rising” di Eve Ensler e Tony Stroebel), reading sul tema della giustizia, musica e danze con Nicoletta Salvi, menestrella femminista. 

A Milano sarà piazza del Duomo il palcoscenico per il flash mob in programma alle 18. A tutti i partecipanti sarà chiesto di indossare un capo rosso e un capo nero, i colori della campagna. L’evento, preceduto dalla lettura di alcuni testi di Eve Ensler, continuerà poi alle 18.30 a piazza San Fedele, dove avrà luogo la proiezione di un film sulla violenza domestica, Le parole non bastano più, organizzata da Intervita Onlus. Infine, allo Spazio Luce alle 21, andranno in scena I monologhi della vagina, ormai famosissima pièce di Eve Ensler. Radio Popolare (Fm 107.60), in diretta dagli studi di Milano, manderà in onda la canzone Break the Chain, inno della campagna, alle ore 14, alle 17 e alle 18 per i flash mob delle città che vorranno collegarsi tramite l'app Radio per smartphone o in streaming su www.radiopopolare.it.

A Lecce, il flash mob si svolgerà nel carcere femminile in collaborazione con Made in Carcere, il marchio manifatturiero di prodotti creati dalle detenute, che hanno firmato anche una linea di fasce One Billion Rising.

A Torino, Mac Movimento Arte Creatività guiderà l’occupazione simbolica di un centro diurno e di una comunità per disabili psichici e fisici. Alle 19, flash mob in via Pio VII.

Flash mob anche a Firenze in piazza Santa Maria Novella alle 19; a Napoli alle 17 in piazza Enrico De Nicola e alle 16 in Piazza del Plebiscito; a Palermo alle 17 in piazza Vittorio Emanuele Orlando; a Trieste in piazza dell’Unità alle 18; a Genova alle 17.30 in via Garibaldi.

Per la lista completa degli eventi in Italia: www.obritalia.livejournal.com. Il trailer ufficiale della campagna www.youtube.com/watch?v=O9sjg7g0pnU. (ambra notari) 

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news