20 luglio 2019 ore: 12:05
Società

“Pane e Olio”, per parlare e confrontarsi su presente e futuro dei minori

GRSweek. Approfondimento settimanale del Giornale Radio Sociale dedicato al tema dei minori, attraverso alla rassegna Culturale “Pane e Olio”, un modo diverso per parlare e far parlare di accoglienza, genitorialità, solidarietà e diritti dei bambini

ROMA - Olio che illumina, lubrifica, nutre e Pane che aggrega, riporta alla quotidianità e crea momenti di aggregazione. Gravita intorno a questi due ingredienti l’esperienza della rassegna culturale “Pane e Olio”, promossa da AiBi Amici dei Bambini e dal Vicariato di Roma ormai da quasi 10 anni. Un modo diverso per parlare e far parlare di accoglienza, genitorialità, solidarietà e diritti dei bambini, i cittadini, le associazioni e le istituzioni che a vario titolo si occupano della materia. Se ne occupa GRSweek, l'approfondimento settimanale del Giornale Radio Sociale, attraverso le voci dei protagonisti.
Come  Marzia Masiello, responsabile del progetto per AiBi: “Abbiamo voluto far fronte a una scommessa, quella di mettere insieme percorsi, professionalità, comunità, pensieri, cittadini molto diversi tra loro. Nell’ambito di ‘Pane e Olio’ siamo riusciti a far dialogare punti di vista anche molto diversi, ma con un atteggiamento e una propositività di rispetto reciproco ma anche di crescita reciproca verso il bene comune”.

Tanti i soggetti che hanno sostenuto gli incontri di Pane e Olio: magistrati, politici, intellettuali, associazioni, insieme per parlare di solidarietà e diritti per disegnare una nuova visione del futuro. Ai microfoni del Giornale radio sociale Giuseppe Magno. Magistrato e docente di Diritto minorile, che ha partecipato agli incontri di pane e Olio sin dalle prime edizioni. Afferma: “L’olio è il simbolo di ciò che favorisce le relazioni anche tra le persone, quindi l’iniziativa di ‘Pane e olio’ è tutta basata sullo scambio culturale. In fondo tutti gli incontri assumono un certo punto di vista, quello dello sviluppo del bambino, quello a cui si mira come obiettivo delle grandi convenzioni internazionali e anche della nostra legislazione interna”.


Ascolta GRSweek
© Copyright Redattore Sociale