22 gennaio 2015 ore: 17:04
Giustizia

"Per la libertà", viaggio nelle carceri giocando a rugby

Un viaggio tra gli istituti detentivi italiani alla scoperta di uno sport, il rugby, che tramite il 'Progetto carceri' sviluppato e sostenuto dalla Federazione rugby si fa strumento sociale e occasione di recupero. Questo il tema del nuovo li...

Roma - Un viaggio tra gli istituti detentivi italiani alla scoperta di uno sport, il rugby, che tramite il 'Progetto carceri' sviluppato e sostenuto dalla Federazione rugby si fa strumento sociale e occasione di recupero. Questo il tema del nuovo libro dello scrittore Antonio Falda, "Per la liberta'. Il rugby oltre le sbarre", in uscita il 28 gennaio in tutte le librerie.

Otto istituti di detenzione italiani, un viaggio attraverso le attivita' rugbistiche esistenti in Italia. Una ricerca appassionante su come la pratica sportiva incida nell'animo delle persone. Storie di detenuti che nel rugby cercano il riscatto personale, di operatori che impegnano il proprio tempo libero per andare a insegnare il rugby in carcere. Di uomini della Polizia che queste attivita' le hanno volute, permesse, promosse.

Falda si e' recato nel carcere minorile di Nisida e negli istituti detentivi di Terni, Torino, Monza, Frosinone, Porto Azzurro, Bollate e Firenze. Li' ha incontrato gli operatori esterni, gli educatori/allenatori, i direttori, i comandanti della polizia penitenziaria e naturalmente i detenuti, per vivere direttamente queste esperienze. Lo scrittore racconta ora un altro aspetto di questo sport che piu' di altre discipline insegna il rispetto per il proprio avversario e l'attenzione alle regole, "uno sport bestiale giocato da gentiluomini".

"Per la liberta'. Il rugby oltre le sbarre" esce con il patrocinio del ministero della Giustizia, dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria, della Federugby e del Club Italia Amatori Rugby. Un libro che vuole essere "non solo un'opera di narrativa pura e semplice ma anche un mezzo utile a promuovere un'attivita' che sonda dal suo alveo sportivo per diventare strumento di sostegno sociale". Il libro e' pubblicato da Absolutely Free Editore, 254 pagine per un costo di 14 euro. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

in calendario