26 settembre 2021 ore: 13:00
Immigrazione

“Senza pregiudizi e senza paure stiamo vicino a chi è più vulnerabile”

Le parole di papa Francesco in occasione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato: “Costruire un mondo più inclusivo che non escluda nessuno”. Intervista al presidente della Cei, Bassetti: “Il virus dell’individualismo genera processi di disgregazione e ci rende incapaci di disegnare un futuro degno per tutti”
Migranti, scritta dietro una rete: benvenuti rifugiati

ROMA – “E’ necessario camminare insieme, senza pregiudizi e senza paure, ponendosi accanto a chi è più vulnerabile: migranti, rifugiati, sfollati, vittime della tratta e abbandonati. Siamo chiamati a costruire un mondo sempre più inclusivo, che non escluda nessuno”. Sono le parole di papa Francesco, che dopo la preghiera dell’Angelus domenicale ha ricordato l’annuale ricorrenza della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che quest’anno ha per tema “Verso un noi sempre più grande”.

Il papa ha affermato di unirsi a quanti nelle varie parti del mondo celebrano la Giornata e ha rivolto il suo saluto alle diverse comunità presenti in Piazza San Pietro, ricordando espressamente l’iniziativa che si è svolta a Loreto, come pure l’impegno, fra gli altri, della Caritas Italiana, dell’Ufficio Migrantes della Diocesi di Roma e del Centro Astalli, che ha ringraziato tutti “per il vostro impegno generoso”. Ai fedeli presenti il papa ha chiesto di avvicinarsi ad un monumento presente in piazza San Pietro, raffigurante una barca con i migranti: “Vi invito a soffermarvi sullo sguardo di quelle persone e a cogliere in quello sguardo la speranza che oggi ha ogni migrante di ricominciare a vivere”, ha affermato.

«Verso un ‘noi’ sempre più grande» è il titolo che Francesco aveva scelto per l’annuale Giornata, con un richiamo evidente all’enciclica “Fratelli tutti”. Il papa nel suo messaggio invitava a “camminare insieme verso un noi sempre più grande, a ricomporre la famiglia umana, per costruire assieme il nostro futuro di giustizia e di pace, assicurando che nessuno rimanga escluso”.

Il presidente della Cei: "Il migrante non è un nemico"

Fra i materiali pubblicati per l’occasione dalla Fondazione Migrantes, organismo pastorale della Conferenza Episcopale Italiana, anche un’intervista al presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, curata da Raffaele Iaria. Eccola di seguito.

Il messaggio di papa Francesco è un invito rivolto a tutti. Cosa significa per la Chiesa italiana?
È un appello a pensarci sempre più come famiglia umana, vedendo in ciascuno – soprattutto negli ultimi e nei bisognosi – un fratello. La pandemia ci ha ricordato, in modo inequivocabile, che nessuno si salva da solo e che, come dice il Papa, siamo tutti sulla stessa barca. Dobbiamo fare tesoro di quello che questa terribile prova che stiamo ancora vivendo ci ha insegnato, impegnandoci a ogni livello per combattere il virus dell’individualismo, che genera processi di disgregazione e ci rende incapaci di disegnare un futuro degno per tutti.

Ogni uomo e donna, dovunque si trovi, è membro della società. Questo non sempre è realizzato anche in Italia. Come accogliere nella Chiesa per non escludere nessuno?
Innanzitutto mettendo al centro la persona umana, che è creatura fatta a immagine e somiglianza di Dio, a prescindere dalla sua condizione sociale, dalla provenienza e dal colore della pelle. In secondo luogo, sconfiggendo la paura che paralizza, fa perdere la speranza, porta a stare sulla difensiva: avere paura significa chiudersi, alzare muri, togliere terreno a quel “noi sempre più grande” di cui parla il Papa. Infine, bisogna ricordare che l’inclusione non è solo una questione sociale, progettuale, educativa ma è un fatto che affonda le sue radici nella mistica e nell’umanesimo cristiano. Nessuno può dirsi cristiano se esclude il proprio fratello.

Che vuol dire una Chiesa che esce all’incontro senza pregiudizi e paure?
È una Chiesa del Vangelo sine glossa, che è capace di uscire da sé stessa, dalle proprie zone di comfort per andare a curare chi è ferito, a cercare chi è smarrito, a sorreggere chi ha bisogno di aiuto. Proprio come il Buon Samaritano che non ha avuto paura di avvicinarsi all’altro, di chinarsi su di lui e di farsi prossimo al giudeo ferito, andando oltre qualsiasi barriera storica e culturale. Gesù ci invita a fare lo stesso, a superare la diffidenza per farci vicini a chiunque si trovi in difficoltà.

Come essere vicini a chi oggi soffre a causa di guerra e povertà che arrivano sulle nostre coste?
Dobbiamo imparare a riconoscere in chi arriva sulle nostre coste, a volte dopo essere stato strappato alla morte in mare, il volto di Cristo. Bisogna scrollarsi di dosso il pregiudizio che porta a etichettare il migrante come un problema o, peggio ancora, un nemico che viene a toglierci qualcosa, un usurpatore, un’insidia. Chi scappa dalla guerra, dalla fame, dalla violenza è un fratello e sulla nostra capacità di amarlo, accoglierlo, proteggerlo saremo giudicati. Tra le opere di giustizia infatti vi è anche quella dell’accoglienza nei confronti degli stranieri.

La Chiesa italiana è impegnata anche sul fronte dei “corridoi umanitari”…
Tra gli ultimi corridoi umanitari della CEI sono giunte in Italia, 43 profughi dal Niger. Qualche mese fa altre famiglie sono giunte dalla Giordania, in fuga dalla martoriata Siria, dall’Iraq e dal Pakistan dove hanno subito una feroce persecuzione religiosa in quanto cristiani convertiti. Sono solo le ultime, in ordine di tempo, di una serie di operazioni umanitarie che la Chiesa che è in Italia, insieme al Governo e all’Unhcr, ha voluto assicurare in questi anni a tante persone e famiglie che si trovano in condizione di particolare vulnerabilità. Attraverso il lavoro della Chiesa Italiana sul territorio è stato possibile trasferire in sicurezza oltre mille profughi dalla Turchia, Giordania, Etiopia e Niger. Può sembrare una goccia in mezzo al mare, di fronte al grande bisogno di sicurezza che si registra in tutto il mondo, ma si tratta di uno sforzo capace di cambiare il paradigma dell’immigra zione nel nostro Paese e in Europa».

Come formare i sacerdoti su questi temi?
Don Primo Mazzolari, grande sacerdote del Novecento, in uno dei suoi scritti, ricordava che “si cerca per la Chiesa un uomo capace di vivere insieme agli altri, di lavorare insieme, di piange re insieme, di ridere insieme, di amare insieme, di sognare insieme”. “Insieme” è la parola chiave, l’orizzonte che deve guidare il pensiero e l’azione di ogni cristiano e, dunque, dei sacerdoti. “Sogniamo – dice Papa Francesco nell’Enciclica Fratelli tutti – come un’unica umanità̀, come viandanti fatti della stessa carne umana, come figli di questa stessa terra che ospita tutti noi, ciascuno con la ricchezza della sua fede o delle sue convinzioni, ciascuno con la propria voce, tutti fratelli”. Il sacerdote per primo deve esse re capace di condividere, di stare con gli altri, di mettere sé stesso a servizio del prossimo. Non c’è evangelizzazione senza fraternità.

Lei recentemente ha inviato un messaggio, attraverso Rai Italia, ai nostri emigrati italiani: come la Chiesa segue questa “porzione di popolo di Dio”?
Come una mamma che ha cura dei suoi figli, anche di quelli che abitano lontano, così la Chiesa è vicina ai tanti italiani – circa 5,5 milioni – che vivono all’estero attraverso i missionari, i religiosi e le religiose, i laici che dedicano il loro tempo e le loro energie nelle Missioni Cattoliche di Lingua Italiana coordinati dalla Fondazione Migrantes. La cura di ogni persona migrante, qualsiasi sia la direzione del suo andare e il passaporto in suo possesso, è sempre doverosa.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news

in calendario