2 marzo 2017 ore: 17:40
Economia

A Milano 13,3 milioni di euro per l'accoglienza dei senza dimora

È quanto viene stanziato per il prossimo triennio, grazie ai fondi europei. Serviranno per interventi strutturali e sociali. Il primo atto sarà quello di istituire, in ciascuno dei nove municipi, la residenza anagrafica fittizia
senza dimora dormono in strada

MILANO - Potrebbe aprirsi una nuova epoca per l'accoglienza dei senza dimora a Milano. Nel prossimo triennio verranno investiti 13,3 milioni di euro, grazie a fondi europei dei programmi operativi nazionali Metro, Inclusione e Fead. Serviranno sia per interventi strutturali, come il completamento della ristrutturazione di Casa Jannacci o il potenziamento delle docce comunali, sia per interventi sociali. È quanto emerso oggi, nell'ambito del Forum delle politiche sociali del Comune di Milano, che si è tenuto alla Casa dei diritti dal titolo "Affrontare la grave emarginazione, organizzare la speranza". Non si tratta di finanziamenti a pioggia, ma sono stati erogati dal Governo dopo che il Comune ha partecipato ai relativi bandi dei Programmi, presentando un piano complessivo di interventi, frutto del confronto con le realtà che a Milano si occupano di senza dimora. E uno dei primi interventi sarà quello di istituire, in ognuno dei 9 municipi, la residenza anagrafica fittizia per chi non ha una casa. La residenza anagrafica è infatti fondamentale per poter usufruire dei servizi sociali. Senza residenza non si ha diritto ad un medico di base. Finora sono state le associazioni e gli enti del terzo settore, in accordo con il Comune, a fungere da luogo in cui i senza dimora potevano eleggere la propria residenza. (dp)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news