/ Immigrazione
23 settembre 2015 ore: 16:05
Giustizia

Anche indennizzi alle vittime nel nuovo Piano nazionale anti-tratta

Anticipato oggi al convegno organizzato a Expo dall’Arma dei carabinieri, prevede una cabina di regia per coordinare i soggetti già impegnati nel contrasto al fenomeno, formazione degli operatori, interventi per l'assistenza delle vittime
Tratta esseri umani, donna nigeriana piange

MILANO - Una cabina di regia, un unico programma di assistenza e di indennizzo delle vittime, cooperazione con gli organismi internazionali e gli altri Paesi: sono questi i tre pilastri sui quali si basa il primo Piano nazionale d'azione contro la Tratta e il grave sfruttamento degli esseri umani (Pna) che il Governo è in procinto di adottare e i cui contenuti sono stati presentati in anteprima al convegno organizzato a Expo dall'Arma dei carabinieri. - "Il Piano risponde a una esigenza di razionalizzazione e di coordinamento delle azioni già in essere sul piano del contrasto della Tratta", ha spiegato Ermenegilda Siniscalchi, capo dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del consiglio.

"Il nostro Paese ha una normativa all'avanguardia - ha aggiunto Siniscalchi -, ma l'approccio al fenomeno della tratta non è stato finora sistemico, privo di una visione unitaria e questo non ha garantito un'integrazione dei programmi sociali nei diversi territori". Per questo il Piano prevede la creazione di una cabina di regia, "che avrà il compito di favorire il dialogo e la cooperazione tra i soggetti coinvolti nella prevenzione, nel contrasto e nell'assistenza delle vittime". Inoltre, il Piano prevede azioni per la formazione degli operatori. Una particolare attenzione è prevista infine per le vittime, per le quali saranno previste non solo forme di assistenza, ma anche di indennizzo. (dp)

© Copyright Redattore Sociale