3 giugno 2021 ore: 12:48
Famiglia

Abusi e violenza sui minori, numeri e riflessioni nel convegno europeo Ispcan

Dal 7 all'11 giugno il Cismai ospita a Milano l'incontro internazionale, in modalità online: oltre 70 Paesi e 400 contributi con l’obiettivo di promuovere un network internazionale capace di potenziare le strategie di contrasto al maltrattamento e alla violenza su bambine, bambini e adolescenti
convegno ispcan

ROMA - Quanti sono i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze vittime, direttamente o indirettamente, di violenza, abusi e maltrattamenti? Quali sono i fattori di rischio e quali gli strumenti di prevenzione? E, ancora, quale impatto ha avuto la pandemia sui minori e sulle loro famiglie? Sono alcune delle domande a cui proveranno a rispondere, dal 7 all'11 giugno, gli oltre 400 esperti che, da più di 70 paesi del mondo interverranno al convegno dell'Ispcan (International society for the prevention of child abuse & neglect), promosso dal Cismai (Coordinamento italiano dei servizi contro il maltrattamento e l’abuso all’infanzia), con il patrocinio dell'Università Bicocca di Milano. Una cinque giorni internazionale, in modalità online, dedicata all’infanzia, con l’obiettivo di promuovere un network strategico per porre la parola fine al maltrattamento e alla violenza su bambine, bambini e adolescenti.

Diversi i temi al centro del congresso: dalla raccolta dei dati sul maltrattamento nei confronti dei minorenni agli interventi di prevenzione, dalla violenza assistita ai servizi per i minori migranti, dalla protezione di bambine e bambini nello sport fino all’impatto del Covid-19. “I dati emersi dall’Indice regionale sul maltrattamento all’infanzia – riferisce il Cismai - hanno sollevato forti preoccupazioni rispetto a una tendenza generale all’aumento di violenza domestica e di maltrattamento all’infanzia, in Italia e a livello mondiale. Una situazione di prolungato stress a livello familiare, di condizioni lavorative precarie e di mancato o minore accesso alla scuola e a servizi socio-sanitari, fa aumentare il rischio di maltrattamento nel lungo periodo. Secondo uno studio della Alliance for Child Protection in Humanitarian Action (Acpha) le misure prese per contenere le pandemie hanno infatti l’effetto di modificare l’ambiente in cui le bambine e i bambini vivono, e di conseguenza aumenta la loro vulnerabilità a violenza, abusi e trascuratezza”.

Tra gli obiettivi di Ispcan 2021, c'è “l’urgenza di realizzare una raccolta dati permanente sul maltrattamento e un monitoraggio sull’andamento del fenomeno – spiega ancora il Cismai - al fine di implementare le strategie di intervento e le politiche di prevenzione secondo un approccio multidimensionale: la mancata attivazione mirata e puntuale in tema di maltrattamento all’infanzia ha infatti una ricaduta enorme in termini sociali, educativi, psicologici, economici e di salute pubblica”.

Durante il Convegno saranno inoltre presentati alcuni dei progetti e ricerche condotte dal Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione "Riccardo Massa" e dai gruppi di ricerca dell'Università Bicocca impegnati nella prevenzione della violenza all'infanzia e nella promozione dei diritti di bambini e bambine.

Saranno oltre 400 le professioniste e i professionisti che parteciperanno in rappresentanza di 70 Paesi, tra cui David Finkelhor (Usa), maggior esperto mondiale sui programmi di prevenzione primaria a scuola, John Fluke (Usa), esperto sull’utilizzo dei dati e nel campo dell’epidemiologia del maltrattamento, Myriam Caranzano (Svizzera), presidente del Congresso Ispcan, Joan Durant (Canada), psicologa clinica dell'età evolutiva, Philip D. Jaffé (Svizzera), membro del Comitato dei diritti dell'infanzia delle Nazioni Unite, Regína Jensdóttir (Francia), Capo Divisione dei diritti dei minori per il Consiglio d'Europa, Christine Wekerle (Canada) direttrice di “Child Abuse and Neglect: The International Journal”.

A rappresentare l’Italia Luigi Cancrini, presidente del Centro studi di terapia familiare e relazionale, Gloria Soavi, già presidente Cismai esperta a livello internazionale di traumatologia e psicologia dello sviluppo, i membri della direzione scientifica dell'evento: Elisabetta Biffi, professoressa associata di Pedagogia Generale e Sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, Rocco Briganti, referente per i rapporti internazionali di Cismai e Kevin Lalor, membro del Board of Directors di Ispcan, il presidente Cismai Giovanni F. Visci, pediatria e neuropsichiatra infantile.

Qui le informazioni e il programma completo.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news