24 ottobre 2018 ore: 14:10
Famiglia

Affido condiviso, “preoccupazione diffusa sul ddl Pillon”

Secondo la presidente della commissione assembleare per la Parità dell'Emilia Romagna Roberta Mori, “le proposte contenute nel ddl rischiano di minare lo sviluppo armonico dei figli di coppie separate, aggravare i costi della separazione compresi quelli immateriali per il coniuge più debole, oltre a ignorare una realtà discriminatoria per le donne”
Famiglia in penombra

BOLOGNA - Preoccupazione per l’arretramento della condizione femminile su autonomia economica e diritti acquisiti e violenze subite, oltre all’irrilevanza in termini di condizionamento dell’agenda politica. A esprimerla è la presidente della commissione assembleare per la Parità e per i diritti delle persone nonché coordinatrice nazionale delle commissioni di Pari opportunità di Regioni e Province autonome, Roberta Mori, alla conferenza delle elette dell’Emilia-Romagna a cui hanno partecipato i componenti della commissione regionale, oltre all'assessore alle Pari opportunità della Regione, Emma Petitti. “Critichiamo fortemente una legislazione che non prevede un approfondimento largo e diffuso rispetto alle trasformazioni del diritto di famiglia”, ha detto Mori nel suo intervento sulla proposta di legge Pillon. Le proposte contenute nel ddl, ha spiegato, “rischiano di minare lo sviluppo armonico dei figli delle coppie separate, aggravare i costi della separazione compresi quelli immateriali per il coniuge più debole, oltre a ignorare una realtà discriminatoria per le donne”. Nella riforma, inoltre, non si tengono in considerazione i contesti di violenza domestica”.

Sullo stesso tema è intervenuta anche l’assessora alle Pari opportunità del Comune di Reggio Emilia, Natalia Maramotti, criticando il provvedimento: “Normativa che limita la libertà di autodeterminazione di donne e uomini”. A farle eco l’assessora alle Pari opportunità del Comune di Modena, Irene Guadagnini: “Un disegno di legge non emendabile, opportuno chiederne il ritiro”. (lp)

© Copyright Redattore Sociale