20 giugno 2022 ore: 14:09
Immigrazione

Afghanistan, Impagliazzo (Sant'Egidio): i corridoi umanitari partono a luglio

L'annuncio del presidente della Comunità: "Il lettore per le impronte digitali è finalmente arrivato. Partirà un primo gruppo di 115 persone, ma è un inizio"
Immigrazione, migranti, rifugiati

ROMA - "Il lettore per le impronte digitali è finalmente arrivato e i corridoi umanitari dall'Afghanistan partiranno a fine luglio. Si tratta di un primo gruppo di 115 persone, ma è un inizio". Lo annuncia Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio, nel corso di un incontro organizzato a Roma per la Giornata internazionale del rifugiato.

Il lettore citato serve alla registrazione dei 1200 rifugiati afghani in Pakistan e Iran, che il ministero dell'Interno si è impegnato a far arrivare in Italia in sicurezza nel quadro di un protocollo stretto con varie organizzazioni italiane il 4 novembre 2021. Le stesse associazioni avevano denunciato in questi mesi che a detta del ministero, l'assenza di tale apparecchio nelle ambasciate d'Italia in Iran e Pakistan sarebbe il motivo per cui nessuno dei rifugiati in condizione di vulnerabilità e pericolo sia ancora partito.

All'agenzia Dire fonti di Sant'Egidio confermano che in totale, con Arci e Tavola Valdese, "arriveranno dal Pakistan poco meno di 200 persone e circa 100 dall'Iran".

(DIRE)
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news