6 settembre 2017 ore: 09:19
Non profit

Africa, Amnesty: raddoppiati gli attacchi di Boko haram

Amnesty international ha denunciato l'aumento degli attentati di Boko haram e del numero di vittime civili nella regione del Lago Ciad. Secondo l'organizzazione per i diritti umani almeno 381 civili sono rimasti uccisi nella nuova campagna di attentati suicidi
Andy Spyra/laif/Contrasto Nigeria attacchi di Boko Haram

Andy Spyra/laif/Contrasto

Roma - Amnesty international ha denunciato l'aumento degli attentati di Boko haram e del numero di vittime civili nella regione del Lago Ciad. Secondo l'organizzazione per i diritti umani almeno 381 civili sono rimasti uccisi nella nuova campagna di attentati suicidi lanciata da Boko haram in Camerun e Nigeria dall'aprile 2017, il doppio rispetto ai cinque mesi precedenti; milioni di persone hanno bisogno di urgente assistenza umanitaria e di protezione. Nella regione camerunense dell'Estremo Nord e negli stati nigeriani di Borno e Adamawa negli attentati suicidi sono spesso coinvolte donne adulte o bambine, costrette a esplodere in aree affollate.

"Ancora una volta Boko haram sta commettendo crimini di guerra su vasta scala, esemplificati dalla tattica depravata di costringere giovani donne a esplodere con l'unico obiettivo di uccidere il maggior numero di persone possibile", dichiara Alioune Tine, direttore di Amnesty international per l'Africa occidentale e centrale. "I governi di Nigeria, Camerun e di altri Paesi devono agire rapidamente per proteggere i civili da questa campagna di terrore", chiede Tine.

DIRE) Roma, 5 set. - Da aprile gli attacchi di Boko haram in Nigeria hanno causato la morte di almeno 223 civili ma il numero effettivo puo' essere maggiore perche' molti attacchi sono scarsamente documentati. Il peggiore e' avvenuto il 25 luglio, quando il gruppo armato ha ucciso 40 persone e ne ha rapite tre in un'imboscata ai danni di un team di prospezione petrolifera nella zona di Magumeri, nello stato di Borno.

Nell'Estremo Nord del Camerun da aprile Boko haram ha ucciso almeno 158 civili, un numero quattro volte piu' alto di quello registrato nei cinque mesi precedenti, con 30 attentati suicidi, ossia piu' di uno alla settimana.

Il peggiore attacco ha avuto luogo a Waza il 12 luglio: 16 civili sono rimasti uccisi e almeno 34 feriti dopo che una bambina si e' fatta esplodere in un affollato centro di video game. A causa della violenza di Boko haram, milioni di civili nella regione del Lago Ciad hanno bisogno di urgente assistenza umanitaria. Oltre sette milioni di persone in tutta la regione hanno pochissimo cibo a disposizione: cinque milioni in Nigeria e un milione e mezzo in Camerun. I bambini che soffrono di grave malnutrizione sono 515.000, l'85% e' in Nigeria. (AGENSIR-DIRE)

© Copyright Redattore Sociale