11 dicembre 2020 ore: 10:53
Società

Alberghi disponibili per studenti fuorisede, a tariffe contenute: nasce HousingBo

Il portale accoglierà le disponibilità delle strutture ricettive ad affittare, a tariffe agevolate e con un contributo di Comune e Università, le proprie stanze agli universitari fuorisede in cerca di un alloggio per brevi periodi. Obiettivo, rispondere alle modalità di didattica mista previste dall’Alma Mater e sostenere gli alberghi
ragazza_legge_panchina

BOLOGNA - Affitti brevi per studenti universitari a tariffe contenute in strutture ricettive di locazione turistica, che potranno godere di un contributo. Alberghi vuoti per il blocco degli spostamenti, studenti in difficoltà a trovare un alloggio in città per un periodo limitato: offerta e domanda, entrambe in difficoltà all’inizio dell’anno causa emergenza sanitaria, provano a sostenersi e rilanciarsi a vicenda.

Grazie all’accordo tra Comune di Bologna e Università di Bologna sono stati stanziati 500 mila euro (suddivisi a metà tra Palazzo d’Accursio e l’Ateneo) ed è stata varata la misura per offrire ospitalità a tariffe agevolate per studenti fuorisede con un Isee pari o inferiore a 35 mila euro e siano iscritti all’anno accademico 2020/2021: un modo per costruire un nuovo sistema di ospitalità in grado di rispondere alla modalità di didattica mista prevista dell’Alma Mater in conseguenza della crisi sanitaria. La Fondazione per l’Innovazione Urbana che coordina il laboratorio HousingBo sulle problematiche abitative della comunità studentesca, ha collaborato attivamente al progetto e, attraverso un portale pensato appositamente per la misura, faciliterà l’incontro tra strutture ricettive e studenti: i contributi riguarderanno i soggiorni brevi – da 7 pernottamenti consecutivi a un mese – in strutture ricettive di locazione turistica. I contributi permetteranno agli studenti di godere di una tariffa agevolata e ai proprietari delle strutture di ricevere un contributo aggiuntivo pari al 50 per cento del prezzo stesso, oltre al prezzo corrisposto dallo studente.

Il tariffario – realizzato da Comune di Bologna, Città Metropolitana, Fondazione per l’Innovazione Urbana e Ateneo dopo un’ampia consultazione con gli operatori del settore – prevede dei massimali che comprendono anche le utenze e ogni altro servizio offerto: 120 euro alla settimana per una camera singola, 180 euro alla settimana per un monolocale. Come aderire? Le strutture ricettive dovranno compilare online la richiesta di iscrizione al progetto per essere inserite nella piattaforma di HousingBo dove gli studenti potranno vedere le possibilità di alloggio e la loro descrizione.

Le strutture ricettive potranno iscriversi fino al 15 ottobre 2021. Una volta ricevuto l’esito positivo dell’iscrizione, potranno inoltrare la richiesta di prenotazione del contributo fino al 31 ottobre 2021. Terminato il soggiorno dello studente, le strutture potranno fare richiesta, fino al 15 novembre 2021, per l’erogazione del contributo completando con i dati dello studente/degli studenti e la copia della ricevuta del pagamento del soggiorno.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news