16 aprile 2024 ore: 12:17
Salute

Alcol, oltre 600 mila minorenni bevono. 8 milioni i consumatori a rischio

La fotografia dell'Osservatorio nazionale Alcol dell'Iss, in occasione dell’Alcohol Prevention Day Scafato: “Rischio dilaga nelle fasce più vulnerabili: minori, adolescenti, donne e anziani 3,7 milioni di “binge drinker” nel 2022. Circa 770 mila hanno già un danno da alcol non intercettato
Giovani e alcol, brindisi con bottiglie di birra

ROMA – L'abuso di alcol, o il suo consumo dannoso, non solo non accenna a diminuire, ma anzi continua a crescere. A lanciare l'allarme è l’Osservatorio Nazionale Alcol dell’Istituto Superiore di Sanità, ONA-ISS, che ha rielaborato attraverso il SISMA (Sistema di Monitoraggio Alcol), anche per il Programma Statistico Nazionale, i dati della Multiscopo ISTAT, in occasione dell’Alcohol Prevention Day (APD). Dati che verranno presentati il prossimo 18 aprile, nel corso di un workshop internazionale in programma presso la sede dell’ISS.

Nel 2022 circa 8 milioni di italiani di età superiore a 11 anni (pari al 21,2% degli uomini e al 9,1% delle donne) hanno bevuto quantità di alcol tali da esporre la propria salute a rischio. 3,7 milioni sono le persone che hanno bevuto per ubriacarsi e 770 mila sono stati i consumatori dannosi, coloro cioè che hanno consumato alcol provocando un danno alla loro salute, a livello fisico o mentale. I consumatori a rischio sono aumentati, in particolare per gli uomini, e rimane distante il raggiungimento degli Obiettivi di Salute Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

“I consumi di alcol in Italia evidenziano una situazione consolidata e preoccupante di aumento del rischio che dilaga nelle fasce più vulnerabili della popolazione: minori, adolescenti, donne e anziani - afferma Emanuele Scafato, Direttore dell’ONA-ISS -Al fine di delineare la roadmap di una rinnovata prevenzione nazionale e regionale, la più efficace possibile, è necessario intercettare precocemente tutti i consumatori a rischio e assicurare alle cure quelli con danno e alcoldipendenti, a sostegno delle persone, delle famiglie e degli obiettivi delle strategie europee e globali in cui siamo impegnati”.

I numeri

Sono in tutto 36 milioni i consumatori di alcol in Italia, pari al 77,4% dei maschi e al 57,5% delle femmine. 10,2 milioni di italiani sopra i 18 anni hanno bevuto alcol quotidianamente. Tra i consumatori a rischio, preoccupano soprattutto i giovani: circa 1.310.000 tra gli 11 e 24 anni, di cui 650 mila minorenni. E le donne: circa 2,5 milioni, con il 15,5% di consumatrici a rischio tra le minorenni 11-17enni.

Spiccano i 3,7 milioni di binge drinker (coloro, cioè, che bevono per ubriacarsi), soprattutto maschi di tutte le età (104.000 sono minori). Anche qui si registra una diminuzione in direzione dei livelli del 2020, ma non per le donne che sono stabili, senza alcun accenno dunque al calo dei consumi tesi all’intossicazione. Inoltre, i consumatori dannosi di bevande alcoliche sono stati 770 mila. Fra le donne si continuano a registrare numeri elevati, sono infatti 290 mila le consumatrici con danno da alcol. Dei 770 mila consumatori dannosi con Disturbi da Uso di Alcol (DUA) in necessità di trattamento, solo l’8,2% è stato intercettato clinicamente, per un totale di 62.886 alcoldipendenti in carico ai servizi del Sistema Sanitario Nazionale (SSN), con costante e preoccupante diminuzione rispetto ai consumatori dannosi attesi.

I dati del sistema EMUR del Ministero della salute mostrano e testimoniano le conseguenze di quanto descritto finora. Nel 2022, si sono registrati 39.590 accessi al Pronto Soccorso - di cui il 10,4% richiesto da minori - segnando in un anno un incremento del 12.1%.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news