13 settembre 2016 ore: 16:45
Famiglia

Alternativa alla pena, 8 ragazzi dipingono un murales in un nido di Bologna

Ispirato al racconto “I colori delle emozioni” di Anna Lena, il murales è stato dipinto dai giovani in carico al Servizio sociale del Dipartimento giustizia minorile. Scout e genitori hanno ripulito il muretto del cortile e restaurato panchine e tavoli del giardino del nido La trottola di via Bombicci
Murales in un nido di Bologna 1

La trottola

Murales in un nido di Bologna 1

- BOLOGNA - Un murales come alternativa alla pena. Lo hanno dipinto al nido La Trottola 8 ragazzi in carico al Servizio sociale per i minorenni di Bologna del Dipartimento giustizia minorile e di comunità del ministero della Giustizia come alternativa alla pena per reati minori. Ispirato al racconto “I colori delle emozioni” di Anna Llena, il murales è stato realizzato dai ragazzi sotto la guida del writer Alessio Bolognesi e dell’arteterapeuta Patrizia Piccin, in collaborazione con gli scout del gruppo Agesci Bologna 18 e dei genitori dei bambini del nido, che hanno ripulito il muro del cortile interno e restaurato panchine e tavoli del giardino della scuola.

Frutto del progetto ScopriamoCi e finanziato dall’avviso “Qualifichiamo insieme la nostra scuola 0/6” dell’Istituzione Educazione e Scuola del Comune di Bologna, l’iniziativa ha come obiettivi quelli di stimolare la solidarietà e la collaborazione tra diverse fasce di età, concretizzare un lavoro di rete tra nido e Servizio sociale minorenni, utilizzare le risorse presenti sul territorio partendo dalle predisposizioni grafico-pittoriche delle nuove generazioni e stimolare la conoscenza reciproca quale base contro il pregiudizio. 

Murales in un nido di Bologna 2

Per i ragazzi coinvolti l’iniziativa è stata un’occasine per attivare le proprie competenze positive ed entrare in contatto con “il mondo delle emozioni”. Anche i bambini che frequentano il nido hanno lavorato sulle emozioni. La storia di Anna Llena è stata scelta proprio perché parla di emozioni, argomento che le educatrici volevano approfondire con i bambini: al mattino i bambini lavoravano su colori, forme e suoni della storia, nel pomeriggio uscivano in giardino per osservare i ragazzi lavorare sui personaggi della storia. (lp)  

Murales in un nido di Bologna 4
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news

in calendario