26 aprile 2016 ore: 11:08
Disabilità

Alunno disabile rischia di perdere la gita: parte grazie ai volontari Unitalsi

Parte dall'Abruzzo l'alleanza con i presidi per evitare forme di esclusione, un'opportunità che potrebbe essere colta anche da altri istituti. E' un alunno disabile di Roseto (Te) il primo ad essere accompagnato gratuitamente in gita dai volontari
Disabilità. Ragazzo in carrozzina. Gambe

Roma - Parte dall'Abruzzo l'alleanza tra l'Associazione nazionale presidi e l'Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali (Unitalsi) per il sostegno e l'aiuto a favore degli alunni con disabilita' delle scuole italiane di ogni grado e livello. L'idea di questa sinergia e' nata dopo i fatti di discriminazione a scuola nei confronti di ragazzi disabili a Livorno e Isernia. E' un alunno disabile dell'istituto "V. Moretti" di Roseto (TE) il primo in Italia ad essere accompagnato gratuitamente in gita scolastica - oggi 26 aprile a Orvieto (TR) - dai mezzi e dai volontari dell'U.N.I.T.A.L.S.I. della sottosezione di Giulianova.

Il ragazzo rischiava, per la mancanza di pullman attrezzati, di rimanere a casa. L'iniziativa della preside dell'istituto, Sabrina Del Gaone, che ha chiamato il numero verde nazionale dell'Unitalsi per chiedere un aiuto e un sostegno, ha risolto la situazione. 

"Un segnale importante- spiegano congiuntamente Dante D'Elpidio e Mario Rusconi rispettivamente vice presidente nazionale dell'Unitalsi e vicepresidente dell'Associazione Nazionale Presidi (Anp)- per tutti gli alunni disabili delle scuole italiane e per le loro famiglie per fare comprendere loro che non sono soli. Un'alleanza, la nostra basata, sulla volonta' di fare incontrare il mondo della scuola con quello del volontariato con la finalita' di abbattere ogni barriera culturale e architettonica".

"Un ringraziamento speciale, proseguono Dante D'Elpidio e Mario Rusconi- alla preside Del Gaone alla presidente dell'Anp della provincia di Teramo, Di Domenico e ai volontari Unitalsi di Giulianova per essersi messi, tutti, subito a disposizione. Esiste un numero verde nazionale dell'Unitalsi (800062026) che verra' inserito anche sul sito dell'Anp a disposizione dei presidi che non voglio arrendersi di fronte alla burocrazia e ai pregiudizi". "Anche da questa nuova iniziativa, concludono D'Elpidio e Rusconi- nasce l'idea di aprire le porte di tante scuole ai volontari dell'Unitalsi per diffondere tra i giovani studenti, ancor di piu', un messaggio di solidarieta' e sostegno alle persone in difficoltà". (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news