15 febbraio 2024 ore: 12:45
Salute

Alzheimer, Pigna lancia una "Limited edition" di quaderni in vendita per tutto il 2024

Iniziativa a favore di Airalzh onlus, disponibili nei punti vendita Coop. In copertina i coloratissimi disegni realizzati da Anna, una signora colpita dalla malattia di Alzheimer
Quaderni Pigna per Airalzh onlus, Alzheimer

Nella rete dei punti vendita Coop aderenti all'iniziativa su tutto il territorio italiano è disponibile una Limited Edition di quaderni realizzati da Pigna per Airalzh Onlus (Associazione Italiana Ricerca Alzheimer). Ciò che rende particolare e preziosa questa "capsule collection" è la copertina. Protagonisti, infatti, sono dei disegni realizzati da Anna, una signora che, colpita dalla malattia di Alzheimer, per 18 anni ha riempito centinaia di quaderni con un'infinità di scritte e di coloratissimi disegni. Dopo la morte della signora Anna, a 93 anni, i disegni sono stati raccolti dai suoi famigliari e donati proprio ad Airalzh Onlus, che ha avuto l'opportunità di catalogarli, studiarli e, infine, grazie alla collaborazione con Pigna, pubblicarli.

"Tutti siamo cresciuti, studiando e scrivendo, sui quaderni Pigna- dichiara la Prof.ssa Alessandra Mocali, Presidente di Airalzh Onlus- Siamo molto orgogliosi di aver stretto questa collaborazione, ma ciò che ci fa ancora più piacere è l'impegno di un'azienda storica per una causa importante e sensibile come il sostegno per la Ricerca contro l'Alzheimer, una malattia 'silenziosa' che, a causa dell'invecchiamento della popolazione, andrà a colpire sempre più persone".

A fronte di questa iniziativa, che rientra nella Campagna "Non Ti Scordar di Te", Coop ha deciso di sostenere Airalzh Onlus con una donazione di 5.000 Euro, mentre Pigna donerà alla medesima Associazione 0,32 Euro centesimi per ogni copia venduta a Coop.

Airalzh Onlus è l'unica associazione che promuove a livello nazionale la ricerca medico-scientifica sulla malattia dell'Alzheimer e altre forme di demenza. Gli obiettivi principali di Airalzh sono concorrere all'identificazione dei fattori di rischio, al miglioramento delle tecniche per la diagnosi precoce e l'individuazione di nuovi bersagli per interventi terapeutici, con lo scopo di innalzare i livelli di cura, migliorare la qualità della vita dei pazienti e sensibilizzare l'opinione pubblica sulla malattia. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news