14 gennaio 2015 ore: 14:54
Salute

Ansia e panico nel fine settimana? Lo psicologo visita a domicilio

Donna, età media 41 anni, italiana: è l'identikit della maggioranza delle 160 persone che hanno chiamato, in un anno e mezzo, il servizio di "Urgenza psicologica" di Milano, garantito da volontari e personale della Croce Rossa. Il 16 gennaio convegno dedicato al bilancio dell'attività
Salute: donna depressa piange sul letto

MILANO - Donna, età media 41 anni, italiana: è l'identikit della maggioranza delle 160 persone che hanno chiamato, in un anno e mezzo, il servizio di "Urgenza psicologica" di Milano, attivo solo il sabato e la domenica, dalle ore 9 alle 21. "L'aspetto più sorprendente è che il 30% delle chiamate è arrivato da fuori regione, anche da Sardegna, Sicilia e da Roma, segno che c'è un bisogno diffuso", racconta Giuseppe Cersosimo, presidente dalla cooperativa sociale Crea, che gestisce il servizio insieme alla Croce Rossa italiana, con il contributo della Fondazione Cariplo e il patrocinio di comune e Ordine degli psicologi della Lombardia. - "Quasi il 70% delle richieste di aiuto era per disturbi dell'umore e ansia", aggiunge. Durante i fine settimana medici e servizi pubblici sono chiusi. Per questo è nato "Urgenza psicologica", con una equipe di una trentina di psicologi volontari e personale della Croce rossa (i numeri telefonici sono 02.33129301 oppure 345.7404800). Nel 20% delle chiamate da Milano e provincia, uno degli psicologi, insieme ad un operatore della Croce rossa, ha visitato a domicilio la persona che ha chiesto l'aiuto. "Una volta siamo intervenuti in un negozio dove una commessa era nel panico per la massa di clienti durante il periodo dei saldi", ricorda Cersosimo. Grazie alle visite a domicilio, nel 50% dei casi il problema è stato risolto subito, mentre il 40% ha iniziato un percorso terapeutico.

Tra i motivi che generano ansia o disturbi dell'umore c'è il lavoro. Da chi è stato licenziato a chi subisce vessazioni dal capo. "Si sono rivolti a noi persone sole -aggiunge il presidente di Crea-, perché magari originarie di altre parti d'Italia e trasferite a Milano per lavoro". Dopo la fase sperimentale, il servizio è destinato ad allargarsi ad altre collaborazioni. Per esempio con le forze dell'ordine. "Abbiamo già un accordo con la Questura -sottolinea Cersosimo-. E in alcuni casi siamo intervenuti su segnalazione delle volanti. Contiamo di collaborare anche con i carabinieri e con il centralino del pronto soccorso". All'esperienza di "Urgenza psicologica" è dedicato il convegno di venerdì 16 gennaio, che si terrà alla Casa dei diritti di visa De Amicis 10 a Milano, dalle ore 9 alle 17. Interverranno, tra gli altri, Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali, Maurizio Gussoni, presidente del Comitato regionale della Croce rossa italiana, Riccardo Bettiga, presidente dell'ordine degli psicologi della Lombardia e alcuni degli psicologi volontari. (dp)

© Copyright Redattore Sociale