30 gennaio 2015 ore: 14:33
Società

Appello al Parlamento: "La tortura sia inserita nell’ordinamento penale italiano"

A Tavernelle (Firenze) arriva la richiesta del gruppo consiliare Centrosinistra Tavarnelle. Il documento fa riferimento alle “gravi lacune normative messe in evidenza da due recenti sentenze della Corte di Cassazione”: caso Aldovrandi e caso Diaz
Cir Progetto contro tortura Togheter with Vi.To.

- FIRENZE - La tortura deve essere introdotta nell'ordinamento penale italiano. A chiederlo al Parlamento italiano è il gruppo consiliare Centrosinistra Tavarnelle (Pd) che ha firmato un ordine del giorno discusso e approvato a maggioranza dal Consiglio comunale. Un tema attuale e di alto valore civile, ripercorso dal documento sul piano storico e istituzionale, dal diciottesimo secolo, quando il Granduca Pietro Leopoldo di Toscana abolì la pena di morte e l’uso della tortura, fino ai nostri giorni con i principi dettati dalla Costituzione italiana e la Convenzione europea per la prevenzione della tortura. “La tortura rappresenta uno dei massimi segni di degrado della società umana - commenta il consigliere comunale Tatiana Pistolesi – da qui la nostra ferma convinzione che l’ordinamento penale italiano debba considerare questa atroce forma di violenza come un vero e proprio reato. Chiediamo pertanto che il Parlamento approvi in tempi brevi il disegno di legge già passato in Commissione Giustizia del Senato”.

Il documento del Centrosinistra Tavarnelle fa riferimento anche alle “gravi lacune normative messe in evidenza da due recenti sentenze della Corte di Cassazione”: la prima ribadisce la condanna di quattro poliziotti per eccesso colposo in omicidio colposo rispetto al caso di Federico Aldovrandi, diciottenne ucciso durante un controllo di Polizia nel 2005 a Ferrara, la seconda allude al caso Diaz, nel 2001, per il quale sono state confermate tutte le condanne a carico di 25 tra agenti e dirigenti di Polizia imputati, responsabili di un’irruzione eseguita nel plesso scolastico di Genova dove erano alloggiati centinanti di manifestanti no-global, giunti da tutta Europa del G8.

 

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news