20 novembre 2018 ore: 17:23
Immigrazione

Aquarius, Msf respinge le accuse. "Indignati, nessun traffico di rifiuti”

Conferenza stampa della ong nella sede di Roma. Gabriele Eminente (Msf): "Se c’è stato qualche errore compiremo accertamenti ma le accuse sono sproporzionate”. Marco Bertotto: “Gestione rifiuti sempre mediata da agenti portuali”. Gianfranco De Maio: “Tubercolosi ed epatite non si diffondono coi vestiti”
Sosmediterranee.it Aquarius

ROMA -”Siamo sorpresi e indignati, per il tipo di accuse portate avanti nei confronti di Medici senza frontiere. La procura ha deciso di fare delle indagini, non lo mettiamo in discussione, non ci sentiamo al di sopra di qualsivoglia giudizio. Ma l’accusa che ci viene mossa è singolare e sproporzionata. Si sta bloccando una nave che è già stata bloccata, ci indigna che un’organizzazione come la nostra, che ha ricevuto il Nobel per la pace, possa essere accusata di aver messo in piedi un’attività per il traffico illecito di rifiuti”. Lo sottolinea Gabriele Eminente, direttore generale di Medici senza frontiere nella conferenza stampa organizzata oggi a Roma per rispondere alle nuove accuse mosse dalla Procura di Catania all’ong.

“Ci è dispiaciuto vedere come la notizia è stata diffusa, in particolare per i 7 colleghi che sono coinvolti direttamente - sottolinea Eminente -. Noi siamo in mare dalla primavera del 2015, in queste tre anni le nostre 5 navi hanno portato soccorso a 80 mila persone. Sappiamo che il momento dello sbarco è particolare, tra i più controllati dalle forze dell’ordine.  E’ assurdo dunque immaginare un traffico illegale di rifiuti, sotto gli occhi delle autorità, che per per oltre 200 volte sono salite a bordo delle nostre navi. Inoltre - aggiunge -se ci fosse stato davvero un rischio per la salute, ci avrebbero dovuto avvertire prima”. Eminente sottolinea inoltre che oggi Msf lavora in più di 70 paesi, curando malattie gravi come l’ebola e il colera, “il tema dello smaltimento dei rifiuti è un tema centrale per noi” afferma. E ricorda che la criminalizzazione della solidarietà, portata avanti negli ultimi 2 anni e mezzo ha già impattato pesantemente su raccolta fondi dell’ong:  “il danno di reputazione lo abbiamo già subito”.

In particolare, Msf respinge con forza l’accusa di aver veicolato malattie gravi. “Le persone che abbiamo salvato, nella maggior parte casi, non erano malate ma sopravvissute al mare - spiega -. Soffrivano di disidratazione oppure avevano ustioni. Chi aveva patologie gravi è stato immediatamente evacuato. Inoltre dire che gli indumenti di per sè indossati da un migrante siano pericoli è gravissimo. Se c’è un pericolo è per loro, spesso su quegli abiti c’è acqua e carburante, che crea a queste persone ustioni sul corpo”. Eminente ha anche sottolineato che l’organizzazione compirà ogni accertamento per capire se qualche errore è stato commesso. Ma - aggiunge - “ in questo momento c’è una sproporzione rispetto a quanto ci viene contestato”.

Marco Bertotto, responsabile dei rapporti istituzionali di Medici senza frontiere assicura che la gestione dei rifiuti è stata sempre mediata dagli  agenti portuali: “ci siamo affidati a loro e abbiamo seguito le procedure che ci venivano indicate”, spiega. Alla conferenza ha partecipato anche Gianfranco De Maio, medico di Medici senza frontiere. “Sono medico dall’84 e da 17 anni opero con Msf. Questa vicenda mi colpisce perché attacca la mia professionalità e quella di altri colleghi, che in altri contesti stanno lavorando con malattie come il colera o l’ebola, come in Congo per esempio - afferma -. Da un punto di vista professionale tutto questo è ridicolo. Sui giornali leggo che la turbercolosi viene trasmessa coi vestiti, così come l’epatite o altre malattie. Se qualcuno ha da eccepire su come svolgo mia attività sono attento e pronto a mettermi in discussione ma non si può buttarla in caciara, come si dice a Roma. Da un punto di vista sanitario quello che si sta dicendo è inaccettabile, non possiamo essere accusati di qualcosa in cui siamo leader, come lo smaltimento dei rifiuti”. (ec)

© Copyright Redattore Sociale