6 luglio 2023 ore: 13:45
Economia

Aumenta la povertà, ma anche gli extraprofitti: denuncia di Oxfam e Actionaid

di Chiara Ludovisi
Ben 772 grandi aziende realizzano quasi mille miliardi di dollari l'anno di extraprofitti: “Un’imposta ad un’aliquota tra il 50% e il 90% potrebbe portare nelle casse pubbliche 774 miliardi di dollari. 440 miliardi di dollari si potrebbero garantire protezione sociale e assistenza sanitaria universale a più di 3,5 miliardi di persone nei Paesi a basso e medio reddito”
Monete, soldi, economia, povertà, pil

ROMA – Garantire protezione sociale e assistenza sanitaria nei Paesi a basso e medio reddito, attraverso gli extraprofitti: è la proposta di Oxfam e ActionAid, che insieme analizzano e denunciano la discrepanza tra crollo dei salari da un lato e incremento degli extraprofitti dall'altro: il tutto, in un contesto di aumento del costo della vita e quindi di pesante crisi economica e sociale nel mondo. Una recente analisi, che passa in rassegna le compagnie della classifica “Global 2000” di Forbes, valutandone gli extraprofitti realizzati nel 2021-22, le due organizzazioni rivelano che negli ultimi due anni 722 tra le più grandi imprese del mondo hanno realizzato, in media, quasi 1.000 miliardi di dollari di extraprofitti all’anno, mentre i prezzi di beni di consumo, cibo ed energia schizzavano alle stelle assieme ai tassi di interesse, con un impatto devastante sul costo della vita per miliardi di persone in tutto il mondo.

Gli extraprofitti, nei diversi settori economici

Considerando i dati per gli specifici settori dell’economia, l’analisi rivela come 45 società energetiche abbiano realizzato, in media nel biennio 2021-2022, 237 miliardi di dollari all'anno di profitti in eccesso. “Se i governi avessero tassato al 90% gli extraprofitti realizzati dagli operatori nel settore dei combustili fossili e riversati ai ricchi azionisti - osservano le organizzazioni - avrebbero avuto risorse sufficienti per aumentare del 31% gli investimenti globali in energia prodotta da fonti rinnovabili. Oggi, al contrario, nel mondo ci sono 96 miliardari che hanno costruito le proprie fortune grazie ai combustibili fossili e possono vantare un patrimonio complessivo di quasi 432 miliardi di dollari (50 miliardi in più rispetto all'aprile dello scorso anno)”.

Anche le multinazionali del comparto alimentare, le banche, le maggiori aziende farmaceutiche e i principali rivenditori al dettaglio hanno visto migliorare le proprie posizioni durante la crisi inflattiva, che ha visto portate alla fame 250 milioni di persone in 58 Paesi. Nel settore food and beverage 18 colossi hanno realizzato, in media nel biennio 2021-2022, oltre 14 miliardi di dollari all'anno di extraprofitti. “Una cifra equivalente a oltre due volte il gap di finanziamento di 6,4 miliardi di dollari indispensabile per fronteggiare la tremenda crisi alimentare che in Africa orientale – tra Etiopia, Kenya, Somalia e Sud Sudan – rischia di far morire per fame 1 persona ogni 28 secondi nei prossimi mesi, a fronte anche del drastico aumento, di oltre il 14%, dei prezzi dei prodotti alimentari a livello globale nel 2022”.

Nel comparto farmaceutico 28 grandi imprese hanno totalizzato, 47 miliardi di dollari all'anno di extraprofitti, mentre 42 grandi rivenditori al dettaglio e catene di supermercati hanno registrato utili in eccesso per 28 miliardi di dollari all’anno, in media nel biennio 2021-2022. Nove tra le più grandi società del settore aerospaziale e della difesa hanno realizzato 8 miliardi di dollari all'anno di profitti in eccesso in media nell’ultimo biennio, mentre 9.000 persone muoiono ogni giorno di fame, in gran parte a causa di conflitti e guerre.

Crollano i salari reali dei lavoratori

Secondo le stime di Oxfam, 1 miliardo di lavoratori in 50 Paesi ha subito una riduzione media della retribuzione di 685 dollari nel 2022, con una contrazione complessiva, in termini reali, di 746 miliardi di dollari della massa salariale. Non tutti i “lavoratori” hanno visto ridursi il proprio salario nel mezzo della crisi inflattiva: nel 2022 gli amministratori delegati più pagati di quattro Paesi (India, Regno Unito, Stati Uniti e Sudafrica) hanno visto crescere i propri emolumenti del 9% in termini reali, mentre i salari dei lavoratori sono diminuiti del 3%. In Italia sempre nel 2022 la caduta dei salari reali ha raggiunto il 7,6%.

Imposta straordinaria sugli extraprofitti: la proposta

In un simile contesto, Oxfam e ActionAid tornano a chiedere ai governi di introdurre con urgenza un’imposta straordinaria sugli extraprofitti o di estenderla, laddove è implementata solo per alcuni comparti, a tutti i settori dell’economia. “Per le sole 722 imprese analizzate, un’imposta ad aliquota tra il 50% e il 90% potrebbe portare nelle casse pubbliche tra 543 e 978 miliardi di dollari per il 2021 e tra 430 e 774 miliardi di dollari per il 2022. Risorse che potrebbero essere impiegate in parte nei Paesi ricchi per aiutare le fasce più vulnerabili della popolazione a far fronte ai rincari della spesa alimentare e delle utenze domestiche e, in parte, essere messe a disposizione dei Paesi in via sviluppo per garantire servizi essenziali come la sanità o per affrontare adeguatamente l’impatto della crisi climatica”.

Ed ecco come, secondo le due organizzazioni, potrebbero essere impiegate tali risorse: “Con 400 miliardi di dollari si potrebbe finanziare il Fondo per le Perdite e i Danni causati dal cambiamento climatico, istituito alla COP27 dello scorso anno, tenendo conto che i Paesi a basso e medio reddito potrebbero dover affrontare, entro il 2030, costi fino a 580 miliardi di dollari all'anno legati ad eventi climatici estremi”; oppure, si potrebbero “sostenere i Paesi a basso e medio reddito con 440 miliardi di dollari necessari a garantire la protezione sociale e l’assistenza sanitaria universale a più di 3,5 miliardi di persone”, o “coprire il gap di finanziamento (pari a 148 miliardi di dollari) per garantire l'accesso all'istruzione pre-primaria, primaria e secondaria nei Paesi a basso e medio reddito. Un intervento che sosterrebbe l'assunzione di milioni di nuovi insegnanti, infermieri e operatori sanitari in tutto il Sud del mondo”.

"Quando è troppo è troppo. I governi non devono consentire alle grandi corporation e ai super ricchi di trarre profitto dalla sofferenza delle persone. - ha aggiunto Arthur Larok, segretario generale di ActionAid - Per questo è necessario tassare gli extra-profitti societari in tutti i settori, investendo le risorse ricavate nel supporto ai più fragili e scoraggiando allo stesso tempo comportamenti opportunistici da parte delle grandi imprese nel bel mezzo di una drammatica policrisi. Il bene comune non deve essere messo sotto scacco dagli interessi di pochi privilegiati. La tassazione degli extraprofitti costituisce una scelta politica oculata: è fonte di risorse prevedibili in grado di contribuire allo sviluppo socio-economico e alla mitigazione dei costi derivanti dal cambiamento climatico nei contesti più vulnerabili del pianeta. Una misura di gran lunga più efficace rispetto all’elargizione di prestiti ai Paesi poveri, oggi soggiogati da debiti insostenibili”.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news