20 agosto 2016 ore: 11:25
Disabilità

“Pillole di autismo”, in preparazione del convegno Erickson

Il centro studi inizia la pubblicazione, in “pillole” di una serie di approfondimenti sul tema. Obiettivo: prepararsi al convegno “Autismi 2016. Risposte per il presente, sfide per il futuro”, in programma a Rimini per il 14 e 15 ottobre. Prima puntata: gli “in-books”
Autismo - medico con scritta su lavagna

ROMA – Sarà una riflessione a 360 gradi sugli “autismi”, un incontro tra esperti nazionali e internazionali, che si confronteranno su terapie, diagnosi, presa in carico, strumenti, valutazione, servizi e cultura. Su tutto ciò, insomma, che riguarda la vita delle persone con autismo e delle loro famiglie. Mancano ancora due mesi al convegno “Autismi 2016. Risposte per il presente, sfide per il futuro”, in programma a Rimini per il 14 e 15 ottobre. Ma il centro studi Erickson, promotrice dell’iniziativa, già si prepara. Lo fa pubblicando, a partire da oggi, una serie di “Pillole di autismo: piccoli approfondimenti tematici che hanno lo scopo di “promuovere la conoscenza dei disturbi dello spettro autistico e rispondere alle domande di famiglie, insegnanti ed educatori che hanno in carico una persona con autismo”. 

Il primo approfondimento è dedicato agli IN-book, libri illustrati con testo integralmente scritto in simboli, nati da un’esperienza italiana di Comunicazione aumentativa e alternativa (Caa), con il contributo di genitori, insegnanti e operatori. “Gli IN-book – spiega il centro studi - sono particolarmente utili per i bambini che hanno difficoltà, soprattutto prassiche o di inseguimento di sguardo, così come nei bambini con un disturbo dello spettro autistico. Non solo, però. Le caratteristiche delle storie, la presenza dei simboli e l’indicazione che ne viene fatta nel corso della lettura sono elementi che sostengono l’attenzione condivisa, rendendo gli IN-book patrimonio di tutti i bambini e non solo di quelli con disabilità della comunicazione”.

© Copyright Redattore Sociale