20 giugno 2016 ore: 09:35
Immigrazione

Rifugiati, in fuga nel mondo 65 milioni di persone: mai così tante

Rapporto Global Trends dell'Unhcr: 1 persona su 113 è oggi un richiedente asilo, sfollato interno o rifugiato, "livello di rischio senza precedenti". Per la prima volta superata la soglia dei 60 milioni di persone. Circa la metà dei rifugiati del mondo sono bambini. Oggi la Giornata mondiale
Unhcr 2016. Migrazioni forzate 1

ROMA - Nel 2015 guerra e persecuzioni hanno portato ad un significativo aumento delle migrazioni forzate nel mondo, che hanno toccato livelli mai raggiunti in precedenza e comportano sofferenze umane immense. E' quanto emerge dal rapporto annuale pubblicato oggi dall’Unhcr, l’Agenzia Onu per i rifugiati, Global Trends, che traccia le migrazioni forzate nel mondo basandosi su dati forniti dai governi, dalle agenzie partner incluso l’Internal Displacement Monitoring Centre, e dai rapporti dell’organizzazione stessa.
- 
Sono circa 65,3 milioni le  persone costrette alla fuga nel 2015, rispetto ai 59.5 milioni di un anno prima: 1 persona su 113 è oggi un richiedente asilo, sfollato interno o rifugiato – un livello di rischio senza precedenti secondo l’Unhcr. In tutto, il numero di persone costrette alla fuga è più alto del numero di abitanti della Francia, del Regno Unito o dell’Italia. Per la prima volta viene superata la soglia dei 60 milioni di persone.

Unhcr 2016. Migrazioni forzate 1

In questa cifra sono compresi 3,2 milioni di persone che erano in attesa di decisione sulla loro richiesta d’asilo in paesi industrializzati a fine 2015 (il più alto totale mai registrato dall’Unhcr), 21.3 milioni di rifugiati nel mondo (1.8 milioni in più rispetto al 2014 e il dato più alto dall’inizio degli anni novanta), e 40.8 milioni di persone costrette a fuggire dalla propria casa ma che si trovavano ancora all’interno dei confini del loro paese (il numero più alto mai registrato, in aumento di 2.6 milioni rispetto al 2014). 

Unhcr 2016. Migrazioni forzate 2

“Un numero spaventoso di rifugiati e migranti muore in mare ogni anno; sulla terraferma, le persone che fuggono dalla guerra trovano la loro strada bloccata da confini chiusi. La politica in alcuni paesi gravita sempre più verso restrizioni nell’accesso alle procedure d’asilo.  ha dichiarato Filippo Grandi, Alto Commissario dell’ONU per i RifugiatiOggi viene messa alla prova la volontà dei paesi di collaborare non solo per i rifugiati ma anche per l’interesse umano collettivo, e ciò che deve davvero prevalere è lo spirito di unità”.

Tre paesi producono metà dei rifugiati del mondo. Tra i paesi coperti dal report Global Trends, la Siria con 4,9 milioni di rifugiati, l’Afghanistan con 2,7 milioni e la Somalia con 1,1 milioni rappresentano da soli oltre la metà dei rifugiati sotto mandato Unhcr nel mondo. Allo stesso tempo, la Colombia, con 6.9 milioni, è il paese con il più alto numero di sfollati interni, seguita dalla Siria, con 6.6 milioni, e l’Iraq, con 4.4 milioni. Lo Yemen è il paese che ha dato origine al maggior numero di nuovi sfollati interni nel 2015: 2.5 milioni di persone, il 9% della sua popolazione. 

Unhcr 2016. Migrazioni forzate 3

Sono soprattutto nel Sud del mondo. L’86% dei rifugiati sotto mandato Unhcr erano in paesi a basso o medio reddito, in prossimità di situazioni di conflitto. Questo dato aumenta fino al 90%  se vengono inclusi anche i rifugiati palestinesi che rientrano sotto il mandato dell’organizzazione sorella, l’Unrwa. Nel mondo la Turchia è il principale paese ospitante, con 2,5 milioni di rifugiati. Il Libano invece ospita il più alto numero di rifugiati rispetto alla popolazione nel paese (183 rifugiati ogni 1.000 abitanti). La Repubblica Democratica del Congo ospita il maggior numero di rifugiati in relazione alla grandezza dell’economia del paese (471 rifugiati per ogni dollaro pro capite PIL, misurato a parità di potere d’acquisto).

Circa la metà dei rifugiati del mondo sono bambini. I bambini rappresentano il 51% dei rifugiati del mondo nel 2015  (gli autori del rapporto non avevano a disposizione dati demografici completi). Molti di loro erano separati dai loro genitori o viaggiavano da soli, un dato che desta molta preoccupazione. In tutto ci sono state 98.400 richieste d’asilo da parte di  minori non accompagnati o separati dalle loro famiglie. Questo numero, il più alto mai registrato dall’UNHCR, mostra tragicamente quanto grande sia l’impatto che le migrazioni forzate nel mondo hanno su queste giovani vite.  i picchi raggiunti agli inizi degli anni novanta. 107.100 rifugiati sono stati inseriti nei programmi di reinsediamento in 30 paesi nel 2015, ovvero lo 0.66% dei rifugiati sotto protezione dell'UNHCR (a livello comparativo, nel 2014, 26 paesi avevano ammesso 105.200 rifugiati per il reinsediamento, lo 0.73% del totale della popolazione rifugiata sotto protezione dell’UNHCR). Almeno 32.000 rifugiati sono stati naturalizzati nel corso dell’anno, la maggior parte in Canada e in misura minore in Francia, Belgio, Austria ed altri paesi.

© Copyright Redattore Sociale