19 gennaio 2016 ore: 14:04
Salute

Alzheimer, ecco il numero che aiuta i familiari dei malati

La Federazione Alzheimer Italia lancia "Pronto Alzheimer", prima linea telefonica in Italia di consulenza e una campagna solidale per sostenere il servizio. I nuovi casi di demenza nel 2015 sono 269 mila, i costi ammontano a 37,6 miliardi di euro
Simone Martinetto Alzheimer: Mostra "Senza la memoria"

Foto: Simone Martinetto

Roma - 02-809767 e' il numero di Pronto Alzheimer, la prima linea telefonica in Italia di aiuto e consulenza per i familiari dei malati. 45503 e' il numero di sms solidale che si puo' comporre dal 17 gennaio al 6 febbraio 2016 per sostenere questo fondamentale servizio della Federazione Alzheimer Italia, che da 22 anni e' a fianco di malati e familiari per farli sentire meno soli. L'Alzheimer e' la piu' comune causa di demenza: ne rappresenta infatti il 60% dei casi.

E nel mondo si stima- secondo l'ultimo Rapporto Mondiale Alzheimer, datato settembre 2015- che siano 46,8 milioni le persone affette da una forma di demenza. Si calcola che in Italia la demenza colpisca 1.241.000 persone, che diventeranno 1.609.000 nel 2030 e 2.272.000 nel 2050. I nuovi casi nel 2015 sono 269.000 e i costi ammontano a 37.6 miliardi di euro. Una malattia dunque in continuo, costante e preoccupante aumento, registrato anche attraverso il servizio di Pronto Alzheimer. Solo nell'ultimo anno (dal 1° gennaio al 13 dicembre 2015) le richieste di aiuto giunte alla linea telefonica sono 4.633; nel complesso dei 22 anni di vita di Pronto Alzheimer, le chiamate arrivate da tutta Italia e a cui e' stata data una risposta, un consiglio, un'indicazione sono 140.000. Cosi' in un comunicato la Federazione Alzheimer Italia.

Per sostenere e potenziare il servizio, la Federazione Alzheimer ha quindi avviato una campagna solidale, con cui si possono donare 2 euro, con un sms o una chiamata, dal 17 gennaio al 6 febbraio. Nel dettaglio, Pronto Alzheimer fornisce informazioni sulla malattia di Alzheimer e la sua gestione, consulenze legali, previdenziali, psicologiche, sociali e di terapia occupazionale (per suggerire le strategie che possono semplificare le attivita' di vita quotidiana); segnala le strutture sanitarie e sociali adeguate, invia materiale illustrativo e informativo. Il servizio e' attivo dal lunedi' al venerdi' dalle 9 alle 18 (negli altri orari e durante il fine settimana risponde una segreteria telefonica) ed e' gestito da una struttura dedicata composta da 2 persone affiancate da volontari. "Dal 1993 noi della Federazione Alzheimer Italia operiamo per migliorare la qualita' di vita dei malati e delle loro famiglie- commenta la presidente Gabriella Salvini Porro- Pronto Alzheimer e' un servizio fondamentale che non faremo mai mancare a chi possiamo dare la forza di non essere soli". www.alzheimer.it, conclude la Federazione Alzheimer Italia. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale