26 gennaio 2024 ore: 11:41
Giustizia

Carcere: 29 morti dall'inizio dell'anno, di cui 11 per suicidio. “Serve una scossa umanitaria”

Patrizio Gonnella, presidente di Antigone: “Una ecatombe drammatica rispetto alla quale deve esservi l'obbligo morale e politico di intervenire”. E aggiunge: “Ogni suicidio è certamente un atto individuale che non va generalizzato. Quando però i numeri sono così impressionanti, allora bisogna andare alla ricerca di cause di sistema. Oggi nelle carceri si respira un'aria di chiusura. Il carcere va riempito di vita”
Carcere - mani di detenuto dietro le sbarre SITO NUOVO

“Nei primi 25 giorni dell'anno ci sono stati 29 morti nelle carceri italiane di cui ben 11 per suicidio. Le ultime due morti per suicidio risalgono a ieri (Rossano e Teramo, ndr). Ciò significa che se questo ritmo tragico e mortale dovesse mai proseguire, alla fine dell'anno avremmo un numero impressionante di morti e suicidi. Si tratta di numeri che proiettati nella società libera farebbero accapponare la pelle e urlare all'allarme. E come se in una cittadina di 60 mila abitanti si togliessero la vita 11 persone, una dopo l'altra, in sequenza. Probabilmente sarebbe istituita una commissione parlamentare di inchiesta”. Ad affermarlo è l’Associazione Antigone, che ricorda anche gli ultimi avvenimenti che hanno portato due persone a togliersi la vita.

"Una ecatombe drammatica rispetto alla quale - afferma Patrizio Gonnella, presidente di Antigone - deve esservi l'obbligo morale e politico di intervenire, dare una scossa umanitaria al sistema penitenziario italiano. Chiediamo ai giornali, ai media, a tutta la stampa di occuparsi del carcere, dei suoi problemi, della vita dentro. Di favorire una narrazione che metta al centro i diritti umani. Nella solitudine e nel silenzio è più probabile che si consumino tragedie. Ogni suicidio è certamente un atto individuale che non va generalizzato. Quando però i numeri sono così impressionanti allora bisogna andare alla ricerca di cause di sistema”.

Continua Gonnella: “Oggi nelle carceri si respira un'aria di chiusura. E' capitato, ad esempio nel Lazio, che durante le vacanze di Natale si siano frapposti ostacoli al tradizionale pranzo di Natale per i detenuti più bisognosi. Vanno creati ponti con l'esterno, non eretti altri muri. Il carcere va riempito di vita. Vanno moltiplicate le telefonate, le videochiamate, oggi invece concesse in modo minimo. Una telefonata a una persona cara, in un momento di disperazione, può salvare la vita. Va gratificato lo staff, avamposto democratico e di umanità. Vanno decuplicate le attività culturali, di scuola, sportive, teatrali che invece oggi si stanno ridimensionando. Chiediamo anche al Parlamento – conclude - di dedicare ai morti suicidi in carcere uno spazio pubblico di riflessione pacata e critica, a partire da quanto è accaduto in questi primi tragici 25 giorni del 2024".
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news