24 novembre 2016 ore: 12:24
Giustizia

Carcere, a Bologna scendono in campo le squadre Rugby di due istituti penitenziari

Con una iniziativa promossa dai Provveditorati Regionali dell'Amministrazione Penitenziaria del Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta nonche' dell'Emilia-Romagna e Marche e dai relativi istituti penitenziari, oggi sul campo del carcere La Dozza d...
Partita di rugby, mischia

Roma - Con una iniziativa promossa dai Provveditorati Regionali dell'Amministrazione Penitenziaria del Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta nonche' dell'Emilia-Romagna e Marche e dai relativi istituti penitenziari, oggi sul campo del carcere La Dozza di Bologna, alle 14.30, la Giallo Dozza Bologna Rugby ospita per una partita amichevole La Drola Rugby del carcere Lorusso e Cutugno di Torino.

La partita, giocata da due squadre che partecipano al campionato C1 nelle rispettive regioni, e' la prima che puo' disputarsi in trasferta ed ha il significato di un riconoscimento ai risultati delle attivita' sportive e di recupero sociale ottenuti a Torino da Ovale oltre le sbarre onlus dal 2010 e a Bologna da Giallo Dozza dal 2013, attraverso l'introduzione del gioco del rugby in carcere.

Il progetto e' appoggiato anche dalla Federazione Italiana Rugby che con il Progetto Carceri FIR vede tre Club direttamente collegati a Case Circondariali partecipare al Campionato Italiano di Serie C e numerose altre Societa' impegnate a diffondere il gioco e il modo di essere tipico della palla ovale in numerose case circondariali ed istituti di pena minorili di tutta Italia.

La partita di oggi si inserisce nell'ambito delle iniziative di sensibilizzazione promosse in occasione della 'Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne' che si svolge il 25 novembre. E' infatti sui campi da rugby, cosi' come negli Istituti penitenziari del territorio nazionale, che da alcuni anni viene osservato un minuto di silenzio nella giornata che e' diventata anche occasione di iniziative di sensibilizzazione e discussione sul tema nelle carceri italiane. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news