22 maggio 2018 ore: 12:11
Giustizia

Casa delle donne di Roma, il sostegno dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna

Solidarietà alla Casa delle donne a rischio sfratto dal Comune in seguito a una mozione presentata da alcune consigliere del M5S in cui dichiarano che la Casa non sarebbe economicamente sostenibile ed è inadempiente. Il coordinamento: “I diritti delle donne non si misurano in termini di profitto”

BOLOGNA - Il Coordinamento dei centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna esprime sostegno e solidarietà alla Casa internazionale delle donne di Roma, luogo storico per i diritti delle donne e per i servizi di consulenza e assistenza sanitaria che rischia lo sfratto in seguito a una mozione presentata da alcune consigliere del Movimento 5 Stelle. La mozione era accompagnata da dichiarazioni secondo cui la Casa internazionale delle donne non sarebbe economicamente sostenibile e avrebbe fallito per inadempienza rispetto agli obiettivi prefissati. “Un consorzio di associazioni importanti per i diritti delle donne, un luogo di cultura vivo della città, sede di incontri e iniziative, un approdo per tante donne in cerca di assistenza medica e legale: a tutto ciò il Comune di Roma vuole mettere fine opponendo le ragioni economiche e rifiutandosi di vedere una ricchezza preziosa non misurabile in termini di profitto”, scrive il Coordinamento in una nota.

“Come è già successo ad altre case e centri delle donne, si propone di cancellare la Casa internazionale delle donne per sostituirla con un centro di coordinamento a gestione comunale e la messa a bando dei servizi – continua – Ancora un volta, si disconosce un’esperienza ultradecennale e si vuole trasformare una realtà politica viva in un centro di servizi anonimi”. E prosegue: “I diritti delle donne e il contrasto alla violenza di genere, in ogni luogo, in ogni città, hanno una storia che non si può ignorare. La Casa internazionale delle donne è uno di quei luoghi pieni di storia, saperi e competenze e merita di continuare il suo lavoro a favore delle donne”. (lp)

© Copyright Redattore Sociale