20 aprile 2020 ore: 14:59
Giustizia

Caso Zaky, “il governo egiziano sfrutta il coronavirus per calpestare i diritti”

di Alice Facchini
Nella confusione creata dalle misure anti-Covid, la repressione in Egitto non si ferma. Amr Abdelwahab, attivista e amico dello studente egiziano dell’università di Bologna in carcere al Cairo, racconta: “Con la scusa di voler evitare il contagio tra i detenuti, le udienze sono sospese e i contatti con la famiglie e gli avvocati sono interrotti”

Per poter accedere a questo contenuto devi avere un abbonamento attivo!