23 gennaio 2019 ore: 14:30
Immigrazione

Castelnuovo di Porto. Parla l'atleta del Vaticano, Ansou Cissé: "Che fine farò?"

"Sono qui da quando sono in Italia e adesso la mia preoccupazione principale è sapere dove mi mandano. Il permesso di soggiorno ancora non ce l'ho". A parlare è Ansou Cissé, 20enne sengalese promessa dello sport, ospite da un anno e mezzo nel Cara di Castelnuovo di Porto
Ansou Cissé

ROMA - "Sono qui da quando sono in Italia e adesso la mia preoccupazione principale è dove mi mandano. Non lo so. Il permesso di soggiorno ancora non ce l'ho. Sto aspettando che mi dicano qualcosa". A parlare è Ansou Cissé, ventenne sengalese promessa dello sport, ospite da un anno e mezzo nel Cara di Castelnuovo di Porto che sarà chiuso entro la fine del mese per effetto del Decreto Salvini.

Tutti lo chiamano 'Anzú', lui qui è una piccola celebrità. La sua storia è uguale a come quella di tanti migranti, ma lui conosce il significato della parola integrazione.

"Vengo dal Senegal, sono in Italia dal 2017, vado a scuola, sto facendo le superiori e gioco a calcio con la squadra del Castelnuovo di Porto e poi sono nella squadra di atletica vaticana. Adesso se mi mandano via tutto questo diventa zero. Fortuna, sogni da realizzare, possibilità, bisogna ripartire da capo e si complicano di nuovo le cose", racconta disperato il giovane sportivo. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale