/ Non profit
3 marzo 2016 ore: 17:42
Giustizia

Chiude la sezione femminile della casa di cura e custodia di Sollicciano

Domani il trasferimento delle tre detenute presenti nella sezione di casa di cura e custodia, già annunciato dal capo del Dap nel corso della visita effettuata a febbraio. La sezione sarà riconvertita in sezione detentiva a custodia aperta
Carcere di Sollicciano - targa

ROMA - Sarà effettuato domani il trasferimento delle tre detenute presenti nella sezione di casa di cura e custodia della casa circondariale di Firenze Sollicciano. Il trasferimento era stato annunciato dal Capo del Dipartimento nel corso della visita effettuata lo scorso 10 febbraio presso l’istituto fiorentino.
Il trasferimento delle tre donne comporterà la definitiva chiusura della sezione femminile della casa di cura e custodia di Firenze Sollicciano, che sarà pertanto dismessa e, previo decreto a firma del Ministro della Giustizia, riconvertita in sezione detentiva femminile a custodia aperta.
“Le tre detenute – scrive il Dap -, riconosciute due come minorate psichiche (ex art.111/5 D.P.R.230/2000) e una per infermità psichica sopravvenuta durante l’esecuzione della pena (ex art. 148 c.p.) raggiungeranno la casa circondariale di Bologna, nel rispetto del principio della territorialità della pena (due sono residenti a Bologna, una è senza fissa dimora), per essere ospitate presso l’apposita sezione femminile dedicata alla tutela della salute mentale dove proseguiranno le terapie riabilitative individualizzate”. 

I provvedimenti sono stati disposti lo scorso 29 febbraio dall’Ufficio competente della Direzione Generale dei detenuti e del trattamento, a seguito di intese con il Provveditore regionale dell’Amministrazione Penitenziaria e la Regione Emilia Romagna –Servizio Assistenza territoriale area salute nelle carceri.
Conclude il Dap: “La chiusura della sezione conferma l’impegno assunto dal Capo Dipartimento nel corso della sua visita presso la struttura penitenziaria toscana il 10 febbraio 2016”.

© Copyright Redattore Sociale