5 dicembre 2023 ore: 12:11
Società

Conflitto Israele Palestina, ActionAid: “A Gaza nessun luogo è sicuro”

Il 75% degli abitanti di Gaza non ha un posto dove andare, mentre il Sud della striscia è sotto un intenso bombardamento. Riham Jafari: “La gente ha disperatamente bisogno di un cessate il fuoco permanente”
UNETCHAC gaza ragazzi in fuga

ROMA – Le persone che si sono rifugiate a Khan Younis, nel Sud di Gaza, si trovano di fronte all'impossibile decisione di evacuare ancora una volta o di rischiare di morire o rimanere feriti rimanendo in città. Lo afferma ActionAid in una nota diffusa questa mattina. Secondo l’Ufficio per gli affari umanitari delle Nazioni Unite (Unocha) – ricorda l’organizzazione umanitaria – circa il 75% della popolazione di Gaza (pari a 1,8 milioni di persone) è sfollata all'interno del Paese, e la maggior parte si è recata nel Sud della Striscia dopo aver ricevuto l’ordine di evacuare il Nord. Era stato detto loro che il Sud sarebbe stato sicuro, ma anche prima dell'intensificarsi degli attacchi nel fine settimana la regione era già stata duramente colpita. È chiaro: nessun luogo di Gaza è sicuro.  

 

L’esercito israeliano – si legge nella nota – ha emesso ordini di evacuazione per un’area che copre il 20% della città di Khan Younis, che ospitava 117mila persone prima della crisi e che ora ospita altri 50.000 sfollati dislocati in 21 rifugi. Coloro che scelgono di partire rischiano un viaggio pericoloso, senza alcuna garanzia di essere protetti e con la sola prospettiva di condizioni ancora più sovraffollate e insalubri a destinazione.  Yaramadre e operatrice umanitaria, è già stata sfollata 6 volte dalla sua casa nel Nord di Gaza: “Oggi corro da un posto all'altro. Sono stata sfollata sei volte, cercando di proteggere i miei figli dalla morte che ci segue ovunque. Sono sfollata a Sud perché dicevano che era più sicuro. Purtroppo, i bombardamenti hanno colpito anche noi, anche durante il viaggio in auto. È stato un viaggio di morte. I bombardamenti ci circondavano, non potevamo crederci”. Anche Jamal12 anni, e la sua famiglia hanno affrontato un viaggio pericoloso quando hanno lasciato la loro casa nel Nord per recarsi nel Sud di Gaza. "Siamo usciti e non c'era nessun posto dove andare, tranne Salah al-Din Street, che è considerata una strada sicura, un corridoio sicuro, e loro [le forze israeliane] sparavano alla gente e c’erano corpi per terra. Stavamo camminando e ci hanno fermato per mezz’ora, dopo di che siamo arrivati, grazie a Dio. Tutto ciò dopo averci detto che il Sud è un'area sicura. Non c’è nessun posto sicuro". 

Le persone che si sono rifugiate a Sud vivono già in condizioni quasi impossibili senza acqua, cibo o vestiti caldi e con infrastrutture vitali sull'orlo del collasso. Ammassare ancora più persone in un'area ancora più piccola non farà che aumentare la loro miseria e causerà un disastro umanitario ancora più grave, avverte ActionAid. Solo una quantità molto limitata di aiuti è entrata a Gaza da quando la pausa temporanea delle ostilità è terminata. A Khan Younis, la distribuzione degli aiuti è stata per lo più interrotta domenica a causa dei pesanti bombardamenti. Wala è una giovane volontaria di ActionAid Palestina. “Se sei stato abbastanza fortunato da arrivare nei campi, vivrai in una tenda che non ti riparerà dal caldo del giorno, né dal freddo della notte. È una tragedia! Migliaia di sfollati senza nulla. Niente cibo, niente acqua. Niente per coprirsi, niente di niente. Quindi, se non li ucciderà il bombardamento, lo faranno molte altre cose: il freddo, la fame, la sete o semplicemente l'orribile realtà che stiamo vivendo”.  

Riham Jafari, Coordinatrice delle attività di advocacy e comunicazione di ActionAid Palestina, ha dichiarato: "Le persone che si rifugiano a Khan Younis e in altre aree del Sud stanno ancora una volta cercando di sopravvivere ai bombardamenti incessanti, vivendo in condizioni disperate. Ora ci si aspetta che si spostino, di nuovo. Dove dovrebbero andare? Come possono credere che a Gaza ci sia un posto sicuro? Finché le bombe non smetteranno di cadere e non si raggiungerà un cessate il fuoco, a Gaza non ci potranno essere né vere vie di fuga né vere zone sicure. La sua gente ha già sopportato molto, troppo: ha disperatamente bisogno di un cessate il fuoco permanente, ora”. 

 

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news