28 marzo 2024 ore: 12:53
Società

Congo, Save the Children: “Le violenze nel Nord Kivu costringono oltre 500 scuole a chiudere”

Nell’ultimo anno un’escalation di violenza nella regione del Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo (Rdc), ha costretto la chiusura di 540 scuole, esponendo i bambini al rischio di reclutamento da parte delle forze armate e al lavoro. Questo l’allarme lanciato da Save the Children. Insegnanti rapiti e studenti terrorizzati

Nell’ultimo anno un’escalation di violenza nella regione del Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo (Rdc), ha costretto la chiusura di 540 scuole, esponendo i bambini al rischio di reclutamento da parte delle forze armate e al lavoro. Questo l’allarme lanciato da Save the Children, che ricorda come dall'inizio del 2024, la violenza ha costretto circa 190 scuole a chiudere, secondo l'analisi dell’organizzazione sui dati del cluster educazione, un meccanismo di coordinamento composto da attori del settore dell'educazione che valutano i bisogni e danno priorità alle risposte umanitarie.

“Tra le scuole colpite – sottolinea Save the Children -, 24 sono state sequestrate da gruppi armati, 10 sono state attaccate direttamente e 29 sono state utilizzate come rifugio di emergenza per le famiglie sfollate. Inoltre, nell'ultimo anno, sono stati segnalati almeno due casi di rapimento di insegnanti e due di studenti a scuola o mentre si recavano a lezione. La chiusura del 7% delle scuole della regione ha lasciato senza istruzione circa 270 mila bambini, che rischiano di non avere le competenze essenziali per costruirsi un futuro. Anche le province limitrofe di Ituri e Sud Kivu sono state colpite da attacchi violenti. E gli attacchi alle scuole lasciano profonde cicatrici emotive e psicologiche sui bambini e possono avere un impatto negativo sulla loro capacità di sviluppo”.

Bahati, 12 anni, che era a scuola quando l'anno scorso sono scoppiati i combattimenti nel suo villaggio nel Nord Kivu. E ha raccontato: "Abbiamo giocato a calcio durante la ricreazione, poi è suonata la campanella e siamo entrati in classe. Pochi minuti dopo abbiamo visto gli uomini armati uscire dagli alberi di eucalipto. Si sono avvicinati alla nostra scuola, sparando. Ho sentito esplosioni e altri rumori. Siamo fuggiti tutti in un'altra direzione, senza nemmeno pensare. La gente ha camminato per due giorni. Le persone sono state separate dalle loro famiglie: bambini senza genitori e genitori senza figli. Mentre i proiettili continuavano a volare, ci siamo diretti verso Goma, ed è così che siamo arrivati al campo di sfollamento di Goma".

L'attuale ondata di violenza segue un anno tumultuoso, segnato dall'intensificarsi dei conflitti nel Nord Kivu nel 2023 quando l’escalation dei combattimenti nella parte orientale del Paese ha causato lo sfollamento di oltre 1 milione di persone, tra cui almeno 500 mila bambini. Solo dal febbraio 2024, almeno 250 mila persone, tra cui circa 130 mila bambini, sono state costrette a fuggire dalle loro case nel Nord Kivu, con oltre 2,6 milioni di persone - circa il 30% della popolazione della regione - sfollate dal 2022.
Il 28 febbraio, le Nazioni Unite hanno iniziato il graduale ritiro della missione di pace nella Rdc - nota come Monusco - su richiesta del governo, nonostante le preoccupazioni per l'aumento della violenza. Il Paese sta affrontando la seconda più grande crisi di sfollamento al mondo dopo il Sudan, con quasi 10 milioni di persone in movimento, mentre la povertà e la fame colpiscono un quarto della popolazione, ovvero 25,4 milioni di persone, secondo le Nazioni Unite.
Sebbene l'educazione sia una priorità assoluta per i bambini e i genitori nelle crisi umanitarie, troppo spesso è il primo servizio a essere sospeso e uno degli ultimi a riprendere. Prima dell'escalation di violenza, molti bambini del Nord Kivu erano già troppo spaventati di frequentare le lezioni e angosciati dalla presenza di soldati armati all'interno e intorno alle loro scuole.

"Un singolo attacco non solo può causare ferite devastanti ai bambini, fisicamente ed emotivamente, ma anche privare centinaia di studenti della possibilità di ricevere un'istruzione di buona qualità. A volte, l'unico luogo di apprendimento di una comunità viene distrutto - ha dichiarato Greg Ramm, direttore di Save the Children nella Repubblica Democratica del Congo -. Tutti i bambini del Nord Kivu hanno subito un'interruzione dell'apprendimento a causa dell'ultima ondata di violenza, anche se non sono stati sfollati. E, anche se alla fine le scuole riapriranno, i bambini avranno difficoltà a causa degli ambienti di apprendimento estremamente affollati, data l'entità dello sfollamento. Mentre le Nazioni Unite riducono il numero delle loro truppe di pace nella Rdc orientale, la situazione sta peggiorando. Tutte le parti devono dare priorità alla protezione dei civili e soprattutto dei bambini".

Save the Children chiede a tutte le parti in conflitto nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) di “cessare gli attacchi e le minacce alle scuole e di astenersi da qualsiasi uso militare delle strutture educative. La presenza di forze militari o di altri gruppi armati nelle scuole danneggia le strutture, interrompe l'istruzione degli studenti e può provocare attacchi da parte delle forze avversarie. Le scuole devono essere protette come spazi sicuri che offrono riparo dai danni e l'opportunità di imparare e giocare”.
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news