11 marzo 2015 ore: 10:04
Disabilità

Contro il pregiudizio, nasce in Thailandia un'orchestra solo di ragazzi ciechi

Nella "Thai blind orchestra" circa 30 ragazzi ciechi tra 8 e 15 anni, guidati dal maestro Alongkot Chukaew. E' una delle poche pensate per le persone disabili in Thailandia, dove la credenza buddista nel karma riconduce l'handicap ai peccati compiuti nella vita precedente
Tailandia. Orchestra di ragazzi ciechi

ROMA - Alongkot Chukaew, professore di musica classica thailandese ha deciso di mettere in piedi un’orchestra di ragazzi ciechi, un modo per sfidare il pregiudizio legato al karma negativo che caratterizzerebbe chi nasce con una disabilità.

Tailandia. Orchestra di ragazzi ciechi 2

L’idea è nata quando Chukaew, che di giorno si occupa di badare agli elefanti del parco nazionale di Khao Yay, ha incontrato alcuni studenti ciechi che partecipavano alle sue lezioni sulla preservazione dell’ambiente naturale. Per insegnare ai ragazzi ciechi si avvaleva di alcuni ausili sonori, tra cui la sua chitarra e notando l’interesse che la musica destava in loro, ha deciso di creare la “Thai blind orchestra”.

- Un’impresa non facile, innanzitutto come far scegliere ai futuri praticanti il loro strumento? Per risolvere la questione Chukaew ha chiesto ad alcuni maestri di musica di suonare diversi strumenti, incoraggiando i ragazzi a scegliere quello di cui preferivano il suono. Dopo aver testato l’affinità dei ragazzi con il proprio strumento musicale, Alongkot Chukaew è passato ad insegnare loro come leggere la musica classica, utilizzando un sistema braille. Il passo successivo è stato mostrare ad uno ad uno come posizionare le dita sugli strumenti, per permettergli di memorizzare le posizioni ed i suoni corretti, un lavoro lento e complesso ma non privo di soddisfazioni. “All’inizio era difficile per me… volevo smettere” racconta Joe, un quattordicenne violoncellista in erba - come riporta The Expresse tribune - “ma quando mi sono reso conto che gli altri ci riuscivano, ho voluto darmi un’altra possibilità”. E ad oggi l’orchestra è formata da circa 30 ragazzi tra gli 8 e i 15 anni, che suonano strumenti donati da benefattori.

La “Thai blind orchestra” è una realtà pressoché unica nel panorama thailandese, Paese che sebbene conti più di un milione e 800 mila persone disabili, tra cui 180 mila cieche su una popolazione di 64 milioni, non ha delle vere e proprie politiche di sostegno o inclusione. Situazione in parte legata, a quanto sostengono gli attivisti per i diritti delle persone disabili, anche alla credenza buddista nel karma che riconduce la disabilità ai peccati compiuti nella vita precedente. (hélène d’angelo)

© Copyright Redattore Sociale