11 gennaio 2018 ore: 15:00
Non profit

Cooperazione Ue: nasce la piattaforma per gli Obiettivi di sviluppo sostenibile 2030

Si e' riunita per la prima volta, la piattaforma multilaterale ad alto livello della Commissione, incaricata di seguire l'attuazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Onu nell'Ue. Il varo della piattaforma e' in linea con il nuovo...
Cooperazione

Roma - Si e' riunita per la prima volta, la piattaforma multilaterale ad alto livello della Commissione, incaricata di seguire l'attuazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Onu nell'Ue. Il varo della piattaforma e' in linea con il nuovo approccio che intende mettere in contatto tutti i soggetti interessati allo scopo di sostenere il lavoro della Commissione. Rappresentanti del mondo accademico, delle organizzazioni non governative, delle imprese, della societa' civile, del Comitato economico e sociale europeo e del Comitato europeo delle regioni si sono riuniti per sostenere e consigliare la Commissione nella realizzazione degli Obiettivi di sviluppo sostenibile a livello dell'Ue. Organizzazioni internazionali come la Banca mondiale, le Nazioni Unite e la Rete europea per lo sviluppo sostenibile (Esdn) hanno partecipato in veste di osservatori.

La piattaforma e' presieduta da Frans Timmermans, primo vicepresidente della Commissione, responsabile per la Qualita' della legislazione, le relazioni interistituzionali, lo stato di diritto e la Carta dei diritti fondamentali, che ha dichiarato: "L'Europa ha fatto della sostenibilita' la sua bandiera, e lo sviluppo sostenibile e' al centro dell'agenda della Commissione europea. Dobbiamo partire dal basso e sfruttare le conoscenze e le competenze di una vasta gamma di interlocutori per ridefinire le nostre economie e le nostre societa'. La piattaforma multilaterale offre agli esperti la possibilita' di incontrarsi e imparare gli uni dagli altri. Mi auguro che potremo avviare una stretta collaborazione per mettere a punto la visione e gli strumenti di cui abbiamo bisogno per riuscire a conseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile".

Il vicepresidente Jyrki Katainen, responsabile per l'Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitivita', ha aggiunto: "L'economia circolare e i finanziamenti sostenibili sono esempi dell'approccio innovativo che l'Europa ha adottato per garantire che i nostri investimenti non creino soltanto crescita economica, ma comportino anche nuovi vantaggi per il nostro pianeta e i nostri cittadini. L'esperienza che i membri della piattaforma porteranno ci aiutera' ad ottenere risultati concreti per una strategia di crescita sostenibile post 2020".

L'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e gli obiettivi di sviluppo sostenibile sono stati adottati dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 25 settembre 2015. Rappresentano un programma d'azione globale che l'Unione europea condivide con l'insieme dei suoi partner e sono parte integrante di tutte le attivita' della Commissione. Riunendo un gruppo eterogeneo di esperti di discipline e settori diversi, questa piattaforma multilaterale completa il know-how della Commissione e mette a disposizione un forum per lo scambio delle migliori pratiche a livello locale, regionale, nazionale ed europeo.

Per accrescere la trasparenza e aprire il processo di riflessione a tutti i cittadini, questi ultimi sono invitati a fornire suggerimenti per una valida realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile, che saranno poi trasmessi ai membri della piattaforma. La piattaforma aiutera' inoltre la Commissione a preparare il processo di selezione per la consegna di un premio annuale sulla sostenibilita'.

Nella prima riunione, che si e' tenuta ieri, i membri della piattaforma hanno convenuto di dare un contributo comune al documento di riflessione della Commissione "Verso un'Europa sostenibile entro il 2030", che e' stato annunciato nel programma di lavoro della Commissione per il 2018 e che sara' adottato entro la fine dell'anno.

Il documento di riflessione rientra nel dibattito sul futuro dell'Europa avviato dalla Commissione nel 2017. I membri della piattaforma hanno inoltre individuato diverse priorita' da discutere in futuro, ad esempio come integrare gli obiettivi di sviluppo sostenibile nel contesto del quadro finanziario pluriennale, come generare una crescita inclusiva e sostenibile e come monitorare e riferire sui progressi compiuti. Nel complesso i membri hanno convenuto che la piattaforma dovrebbe aiutare la Commissione ad attuare gli obiettivi di sviluppo sostenibile nel contesto europeo. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news