4 aprile 2020 ore: 15:38
Salute

Coronavirus. Tamponi a senza dimora, Medu: “Sconcertati, serve intervento complessivo”

di Eleonora Camilli
La sindaca Raggi scrive al governatore del Lazio per chiedere tamponi a chi vive nei pressi della stazione Tiburtina, ma da giorni le associazioni stanno lavorando sul campo. Barbieri (Medu): “A Roma ci sono 8000 homeless, azione deve essere seria, servono alloggi”
Foto di Fiopsd coronavirus senza dimora
ROMA -  Tamponi ai senza dimora che vivono nell’area intorno alla stazione Tiburtina. Lo chiede la sindaca di Roma Virginia Raggi in una lettera inviata al governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. L’obiettivo spiega la sindaca è quello di “tutelare i cittadini”, evitando che nella zona si verifichino casi di Covid 19. Ma la missiva ha suscitato già un dibattito all’interno delle associazioni che da giorni a Roma si stanno occupando della prevenzione del contagio da coronavirus tra gli homeless che vivono nelle stazioni e nei siti informali. 

“Siamo rimasti estremamente sconcertati dalla dichiarazione della sindaca che denota un preoccupante pressapochismo - sottolinea a Redattore Sociale, Alberto Barbieri medico e coordinatore di Medu (Medici per i diritti umani) - ci sono vari aspetti critici in questa richiesta. Innanzitutto, a Roma ci stimano circa ottomila persone homeless, se consideriamo, poi, chi vive insediamenti informali la cifra arriva a 16mila. Non capiamo dunque perché la sindaca si preoccupi solo delle persone che vivono intorno alla stazione Tiburtina. Lì gravitano diverse centinaia di persone, ma altrettante, se non di più, si trovano intorno a Termini o alla stazione Ostiense. Serve un intervento che prenda in carico tutti gli ottomila homeless di Roma. E questo lo diciamo con cognizione di causa perché da più di tre settimane abbiamo attivi alcuni team mobili che stanno facendo azioni di contenimenti e screening”.

In tutto Medu sta seguendo circa 3000 persone che vivono in condizione di grave precarietà. “Si tratta di persone a rischio, che non possono ottemperare alle misure previste dai dpcm, non possono stare a casa o in isolamento - spiega Barbieri - e non possono lavarsi le mani spesso. Inoltre, molti di loro hanno più di 50 anni e problemi di salute pregressi, in alcuni casi malattie croniche debilitanti. Finora non ci sono stati focolai anche perché le associazioni si sono attivate per una sorveglianza attiva e per fare prevenzione. Siamo dunque convinti che se si vuole richiamare l’attenzione sul tema si debba fare in maniera seria: bisogna comprendere che le 8000 persone senza dimora devono avere alloggi dove stare per tutelare la salute di tutti. Finché queste persone restano per strada il rischio è sempre alto: fare i tamponi ha un senso nell’ottica di una strategia complessiva di presa in carico. Al contrario si accresce solo l’allarme tra i cittadini”.

Oltre a lavorare sul campo con altre organizzazioni umanitarie, da giorni Medu chiede che sia attivato un numero h24 per gli operatori, in modo da poter segnalare le persone con sintomatologia sospetta da Covid 19, e che siano messi a disposizione alloggi adeguati dove poter isolare questi casi. “Abbiamo dato la disponibilità a seguire con i nostri medici i malati in quarantena: se la persona ha dei sintomi gravi si chiama il 118 per chiedere il ricovero, ma se i sintomi non giustificano il ricovero ospedaliero bisogna trovare un altro posto dove poter far stare le persone, senza sovraccaricare le strutture sanitarie. Questa esperienza ci sta insegnando che l’epidemia si contrasta sul territorio. Noi e altre associazioni lo stiamo facendo, le istituzioni ci devono ascoltare e darci mezzi adeguati. Noi distribuiamo quotidianamente gel e mascherine, ma non sempre bastano per tutti”. 
© Copyright Redattore Sociale