4 aprile 2020 ore: 13:36
Salute

Coronavirus, Usb: “Situazione dei braccianti è drammatica”

In una nota, l’Unione sindacale di base rilancia la raccolta fondi organizzata a sostegno dei braccianti in difficoltà. “Sono per la stragrande maggioranza lavoratori invisibili che producono in cambio di pochi spiccioli il cibo destinato alle nostre tavole”
Caporalato, sfruttamento agricoltura, bracciante curvo su campo

ROMA - “La situazione nelle campagne italiane è drammatica. La pandemia da Covid-19 che ha messo in quarantena obbligata miliardi di esseri umani in tutto il mondo, ha aggravato ulteriormente le già difficilissime condizioni di vita dei braccianti”. È quanto denuncia l’Unione sindacale di base in una nota, dopo gli allarmi già lanciati nei giorni scorsi da altre sigle sindacali e associazioni. “Sono per la stragrande maggioranza lavoratori invisibili - spiega la nota -, che producono in cambio di pochi spiccioli il cibo destinato alle nostre tavole e vivono in condizioni di degrado nelle baraccopoli, tra i ruderi, senza acqua, senza dispositivi di protezione, privi di assistenza sanitaria, dimenticati dai decreti governativi. In poche parole, derubati della loro dignità. E oggi si ritrovano anche ridotti alla fame”. Sul web, intant, continua la raccolta fondi a sostegno di quanti sono in difficoltà. “Usb lo fa proprio e lo rilancia - continua la nota -, ribadendo che il dramma dei braccianti si risolve soltanto aprendo il Cura Italia ai lavoratori agricoli, garantendo i permessi di soggiorno, il diritto ai documenti, gli alloggi e abolendo i decreti sicurezza”.

© Copyright Redattore Sociale