21 aprile 2021 ore: 17:52
Non profit

Covid, a Bologna 280 mila euro di beni primari per persone in stato di bisogno

WeWorld dona 105 bancali di prodotti per la cura e l’igiene al Fondo sociale di comunità metropolitano, nato nel dicembre 2020 come risposta all’emergenza pandemica dalla collaborazione tra vari soggetti e istituzioni locali. Il Csv bolognese gestirà la distribuzione sul territorio

A Bologna è in partenza una grande operazione di sostegno alle persone che vivono situazioni di difficoltà, impoverimento e marginalizzazione, realizzata grazie alla collaborazione di vari soggetti attivi sul territorio. La sede bolognese dell’organizzazione WeWorld ha infatti donato al Fondo sociale di comunità metropolitano “Dare per Fare” un totale di 105 bancali di prodotti per la cura e l’igiene personale, per un valore complessivo di 280.000 euro.

Il Fondo è stato lanciato nel dicembre 2020 come risposta concreta alle conseguenze dell’emergenza Covid, proprio con l’obiettivo di raccogliere risorse, beni, progetti, idee per dare sollievo alle persone con nuovi bisogni economici e sociali. L’iniziativa è stata promossa dalla Città metropolitana di Bologna e Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria Metropolitana-CTSSM in collaborazione con il Comune e le Unioni e i Comuni dell’area metropolitana, insieme a sindacati, imprese e loro associazioni, società partecipate, terzo settore, fondazioni.

La gestione e distribuzione dei prodotti donati è affidata al Csv di Bologna che si occuperà di ridistribuirli attraverso un sistema equo, sostenibile e basato sul bisogno, ad empori solidali, associazioni e attraverso la rete dei servizi sociali, educativi e per il lavoro. Nello specifico, i prodotti saranno destinati a quattro aree prioritarie di intervento: il sostegno al mantenimento della propria casa, la distribuzione di beni alimentari e di prima necessità, la messa a disposizione di dispositivi digitali, il supporto alla partecipazione a percorsi formativi per facilitare l’inserimento lavorativo.

Il Centro di servizio, in collaborazione con Città metropolitana di Bologna, Comune di Bologna, Comuni e Unioni dell’area metropolitana, darà inoltre il proprio supporto al rafforzamento e consolidamento delle reti distrettuali dei soggetti e delle organizzazioni che si occupano di contrasto alle povertà.
Attualmente, grazie alla collaborazione di Legacoop Bologna, attraverso il gruppo cooperativo Unilog che si è occupato della logistica, i 105 bancali sono stivati nel magazzino di 115 mq concesso in comodato d’uso gratuito da CAAB al Fondo di comunità per 4 mesi.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news