13 ottobre 2021 ore: 12:37
Non profit

Dal recupero di vecchi cellulari e batterie un aiuto a chi è in difficoltà

Iniziativa del Gruppo Volontariato Vincenziano di Martina Franca, che da oltre un anno porta avanti il progetto “Riciclo Cellulari e non solo…” per finanziare le proprie attività benefiche. La presidente: Nell'ultimo anno siamo riusciti a sostenere tante persone che attraversano un periodo difficile"

ROMA - Ogni cellulare "è una piccola miniera di minerali preziosi, tanto che è molto remunerativo recuperarli per poi riciclarli in nuovi prodotti hi tech, lo stesso accade per le batterie ricaricabili dei numerosi device utilizzati ogni giorno. Si tratta di minerali come l’oro, l’argento, il palladio, il piombo e il cadmio; gli ultimi due, in particolare, sono anche altamente inquinanti". Lo ricorda  il Gruppo Volontariato Vincenziano di Martina Franca, che da oltre un anno porta avanti il progetto “Riciclo Cellulari e non solo…” per la raccolta di vecchi cellulari in disuso,  per finanziare le proprie attività benefiche.

"Il nostro vecchio cellulare, il più delle volte dimenticato in un cassetto, altre volte purtroppo gettato nella spazzatura, può diventare un utile strumento per fare del bene a quanti vivono un disagio e all’ambiente del nostro pianeta", sottolineano, per questo il progetto, realizzato in collaborazione con il Csv Taranto e  il Coordinamento Associazioni Volontariato di Martina Franca, recupera vecchi cellulari portandoli a “Raeecupera”, azienda pugliese che opera nel recupero e nella valorizzazione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee), pericolose e non.

"Nell’ultimo anno con il progetto “Riciclo Cellulari e non solo…” abbiamo finanziato le attività del Gruppo Volontariato Vincenziano di Martina Franca – ricorda la presidente Anna Magli – riuscendo ad sostenere tante persone che attraversano un periodo difficile, una platea allargatasi con la pandemia".

Da qui l'appello a cittadini e imprese a portare i propri cellulari obsoleti, funzionanti e non, e le batterie alla Casa del Volontariato (Via Mottola 1/b a Martina Franca - info 338.2589887). L'associazione vuole coinvolgere anche la scuola. "Il progetto – ha aggiunto la presidente  – insegna ai ragazzi che l’ambiente si può e si deve rispettare anche con piccoli gesti, come donare un vecchio cellulare, ma ha anche una valenza sociale perché gran parte dei minerali recuperati vengono estratti nelle miniere africane in cui povera gente, anche bambini, vengono sfruttati percependo un misero guadagno per  sopravvivere".

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news