19 settembre 2017 ore: 11:15
Non profit

Dalai Lama: se uccidi non sei più musulmano, ma terrorista

"Sentiamo spesso ai giorni nostri affiancare il termine terrorista a quello di religioso. Sono molto contrario a denominare cosi' un religioso, poiche' nel momento in cui uccidi non sei piu' musulmano o buddista, sei semplicemente un terrorista"...

"Sentiamo spesso ai giorni nostri affiancare il termine terrorista a quello di religioso. Sono molto contrario a denominare cosi' un religioso, poiche' nel momento in cui uccidi non sei piu' musulmano o buddista, sei semplicemente un terrorista". Lo afferma il XIV Dalai Lama, Tenzin Gyatso al Mandela Forum di Firenze al festival delle religioni nel corso del dibattito 'La liberta' nella regola' moderato dalla presidente Rai, Monica Maggioni.

Il Dalai Lama ha riportato alcune associazioni che si fanno oggi fra musulmani, ma anche tra buddisti e terrorismo. "L'attivita' principale del praticante musulmano e' di amare tutto il creato di Allah- replica-. Nel momento in cui uccidi qualcuno smetti di essere musulmano. I capi di governo, invece, manipolano le religioni per mettere gli uni contro gli altri". Il capo spirituale dei monaci buddisti lancia un messaggio di ottimismo sul ruolo della fede nel mondo. "Per esempio, ci dobbiamo fare una domanda- chiarisce-: e' possibile stabilire in modo certo l'armonia religiosa nel mondo? Al mille per cento vi dico di si'". Un esempio, a suo avviso, "e' l'India, un continente in cui convive piu' di un miliardo di persone, dove ci sono tanti problemi interni eppure tutte le filosofie e religioni stanno in contatto le une con le altre". D'altro canto, il Tibet stesso ha un'esperienza positiva di convivenza pacifica con altre comunita' religiose, specie con quelle islamiche. "Il V Dalai Lama accolse una piccola comunita' musulmana- afferma-. Gli fece costruire una moschea, e i tibetani hanno imparato tantissimo dai musulmani sul commercio e su tante altre cose, credo che anche loro abbiano appreso qualcosa. I musulmani erano pacifici". Una piccola comunita', al tempo, arrivo' anche dalla Cina. "Erano piu' belligeranti- evidenzia-, forse perche' laggiu' si occupavano della macellazione". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale