17 giugno 2021 ore: 17:37
Famiglia

Dalla musica ai laboratori digitali, gli eventi estivi del progetto Doors

Coordinato da Cies e cofinanziato da Con i bambini punta a combattere la povertà educativa minorile. Dal 2019 ha coinvolto oltre 1600 giovani. E per il prossimo anno scolastico "punteremo su arteducazione, peer education e teatro sociale" 
Società multietnica, volontariato, terzo settore: ombrelli colorati

ROMA – Tante proposte estive in 5 regioni italiane grazie al progetto Doors, coordinato da Cies onlus e cofinanziato dall’impresa sociale Con i bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile. Dal 2019 ha coinvolto oltre 1600 giovani con iniziative che hanno a che fare con la musica, i campi estivi e i laboratori digitali in Calabria, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte. L’obiettivo è “coinvolgere i ragazzi di ogni estrazione sociale e superare ogni barriera di accesso” afferma la presidente del Cies Elisabetta Melandri.

"L’anno scolastico 2020/21 è stato segnato prevalentemente dall’emergenza socio-sanitaria, ma il tessuto sociale ha risposto con coraggio ed impegno – continua Melandri. Le associazioni coinvolte nel progetto Doors hanno reagito con impegno e coraggio sia nel lockdown che nei diversi step fino ad oggi. Le attività socio-educative hanno continuato ad accompagnare la comunità educante, primi tra tutti insegnanti e genitori, nel difficile ruolo di trovare nuove opportunità di apprendimento che potessero rispondere alle nuove esigenze educative. A tal fine, sono stati ripensati in modalità online tanti servizi e sono stati realizzati numerosi incontri a distanza. I vari Centri coinvolti nel progetto hanno offerto laboratori artistici online e outdoors e sostegno educativo e psicologico a distanza".

Numerose le iniziative previste questa estate. "Anche attraverso le attività dei prossimi giorni e mesi, verrà offerta una chance per superare le differenze di accesso alle opportunità didattiche e socio-educative, differenze che rappresentano vere e proprie discriminazioni nell’esercizio dei diritti fondamentali di alunni e studenti", prosegue Melandri.

Nell'ambito del progetto Doors, a Torino fino al 19 giugno, si terrà un Festival della scienza di strada, dal titolo Verso l'infinito e Oltre, organizzato da Agenzia per lo Sviluppo di San Salvario. A Milano dal 22 giugno al 29 luglio il Campus estivo per minori, che vede al centro l'Arteducazione. Spazio organizzato da Cooperativa Tempo per l'Infanzia e sostenuto anche dal Comune di Milano.

A Roma, fino a fine luglio centri estivi, laboratori e molte occasioni per i minori dai 6 ai 14 anni, organizzati da Cies in collaborazione con enti del territorio. Studio delle lingue, canti e psicologia al centro delle attività di Asinitas Roma, sempre nell'ambito di Doors, mentre Affabulazione Ostia fino a fine giugno continua il suo lavoro attraverso l'arteducazione di corridoio. Nelle Marche, a Fabriano, si terrà nel mese di luglio il MakerCamp, che si presenta così: "creiamo incredibili soluzioni digitali, attraverso il videogioco". Poi in Calabria dove a Villa San Giovanni (RC) l'Associazione Ponti Pialesi chiederà ai ragazzi di cimentarsi nel cinema, musica ed arti visive. Il 3 luglio si terrà l'Incontro sulla Legalità in collaborazione con l'Arma dei Carabinieri " e con la partecipazione dei ragazzi dei laboratori Doors. Sempre a Villa San Giovanni l'IC Giovanni XXIII si cimenterà nella formazione di un piccolo coro.

Secondo Melandri, il ruolo di Doors per l'estate sarà "continuare ad avvicinare ragazzi e ragazze di tutte le estrazioni sociali, alla bellezza, in particolare all'arte, senza mai dimenticare, in un’ottica sistemica, il loro contesto di vita tra la scuola, la famiglia e la strada".

Per il nuovo anno scolastico la presidente afferma "la scuola continua a rappresentare il focus intorno al quale si concentrano le  attività del progetto Doors, nella direzione del supporto, dell'integrazione e della complementarietà tra l’istituzione scolastica, le associazioni del Terzo settore e le altre istituzioni socio-educative e socio-sanitarie dei territori coinvolti. L’arteducazione, la peer education, il teatro sociale saranno le proposte che porteremo nelle scuole anche nel prossimo anno scolastico".

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news