11 novembre 2015 ore: 16:39
Disabilità

Disabili e lavoro, il governo chiede di aspettare il “rodaggio” del Jobs Act

Concluso l’incontro con la Segreteria particolare del ministro del Lavoro, Luciano Poletti, che conferma la linea del Governo, ma apre alla discussione dopo i dodici mesi di rodaggio previsti dal Jobs Act. Nina Daita (Cgil): “Il governo chiede di attendere, ma andiamo avanti con il ricorso”
Disabili a Montecitorio 1
Il sit a piazza Montecitorio
Disabili a Montecitorio 1

ROMA – Si è concluso da pochi minuti l’incontro tra la Segreteria particolare del ministro del Lavoro, Luciano Poletti, e una delegazione delle associazioni che stamattina hanno presidiato piazza Montecitorio in protesta con il provvedimento, contenuto nella Legge delega nota come JobsAct, che stravolge di fatto la legge 68/99 e introduce la chiamata nominativa per le persone con disabilità. 

“E’ andata benino – ha spiegato Nina Daita (Cgil disabilità) presente all’incontro insieme alla delegazione -, ma andiamo avanti con il ricorso. Stamattina la segreteria della Presidente della Camera aveva suggerito un emendamento, ma dalla Segreteria del ministro Poletti ci viene detto di attender i dodici mesi di rodaggio previsti dalla legge delega. Se in questi mesi si avrà la percezione che qualcosa non ha funzionato, non esiteranno a rivedere il testo con dei decreti correttivi”. 

I dodici mesi scadono ad agosto del 2016. “Siamo non vicini e non lontani dalla prossima estate, ma nell’attesa andiamo avanti con il ricorso e ci appelleremo all’Europa per quella che consideriamo una norma discriminatoria nei confronti delle disabilità più gravi”. (eb)

© Copyright Redattore Sociale