1 marzo 2018 ore: 15:52
Disabilità

Disabilità, in Italia ogni anno nascono 2 mila bambini sordi

Ogni anno nel nostro Paese nascono circa 2mila bambini con gravi problemi all'udito, che rischiano di essere penalizzati se questi disturbi non vengono individuati subito e trattati in modo corretto. Ma la sordita' e' una patologia circondata ancora...
Sordità infantile, orecchio di neonato

ROMA - Ogni anno nel nostro Paese nascono circa 2mila bambini con gravi problemi all'udito, che rischiano di essere penalizzati se questi disturbi non vengono individuati subito e trattati in modo corretto. Ma la sordita' e' una patologia circondata ancora da troppa disinformazione: oggi, infatti, esistono diagnosi e terapie affinche' anche il bambino affetto da sordita' congenita possa condurre una vita normale. In occasione della Giornata mondiale dell'Udito, che si celebrera' il prossimo 3 marzo, il provider Ecm 2506 Sanita' in-Formazione e il professor Giuseppe Attanasio, medico specialista in Otorinolaringoiatria presso il Policlinico Umberto I di Roma, in collaborazione con Consulcesi Club, forniscono una guida ai genitori attraverso il corso Ecm Fad (formazione a distanza) 'Ipoacusia infantile e protesizzazione acustica'.

L'IMPORTANZA DELLO SCREENING NEONATALE DELL'UDITO. Ecografie e amniocentesi non sono in grado di rilevare la sordita' nel feto. Al contrario, lo screening audiologico universale entro i primi 2-3 mesi di vita e' la soluzione per scoprire subito i problemi di ipoacusia di un bambino. Da segnalare, pero', che questo esame non e' in grado di identificare la perdita uditiva acquisita o progressiva che intervenga successivamente. Questi deficit uditivi infantili (che rappresentano circa il 30% dei casi) possono essere identificati solo con programmi di osservazione e sorveglianza audiologica, per questo "e' essenziale che il medico, soprattutto il neonatologo e il pediatra- sottolinea il professor Attanasio- sia formato e sappia essere sollecito in termini di diagnosi precoce, che in questi casi e' fondamentale".

VALUTAZIONE DEGLI AUSILI UDITIVI PIÙ ADATTI. Una volta individuata l'ipoacusia, e' fondamentale una rapida ed efficace scelta degli ausili uditivi piu' adatti al bambino, verificando l'idoneita' degli stessi (protesi, impianto cocleare).

INSERIMENTO DEL BAMBINO IN UN PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE LOGOPEDICA. La logopedia costituisce un supporto fondamentale nello sviluppo e acquisizione del linguaggio nel bambino; ovviamente, la prognosi riabilitativa cambia se al bambino e' stato diagnosticato tempestivamente il deficit uditivo, quindi non riporta gravi compromissioni nel linguaggio, o se l'ipoacusia viene riscontrata tardivamente.

IL SUPPORTO PSICOLOGICO AI GENITORI. Comprensibilmente, una diagnosi di ipoacusia nel bambino genera paura e sconforto nei genitori. È importante, quindi, fornire loro tutte le informazioni sulle novita' terapeutiche che potranno assicurare una vita normale a loro figlio, e un adeguato supporto psicologico.

ATTENZIONE AI BAMBINI A RISCHIO. Come gia' detto, anche una volta superato lo screening neonatale, non e' detto che il bambino sia esente da problemi all'udito. In particolare, e' opportuno attuare un programma di sorveglianza audiologica su bambini a rischio per sordita' congenita progressiva o ad esordio tardivo. Tra i fattori cui prestare particolare attenzione, possiamo citare la familiarita' per ipoacusie permanenti nell'infanzia, traumi cranici, infezioni post-natali (compresa la meningite batterica) e otiti ricorrenti o persistenti. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale